È possibile denunciare un’azienda per il recesso dopo il periodo di prova durato solo un giorno, oltretutto dopo aver svolto un compito che non mi spettava?

È possibile denunciare un’azienda per il recesso dopo il periodo di prova durato solo un giorno, oltretutto dopo aver svolto un compito che non mi spettava?

Buongiorno, chiedevo se era possibile denunciare all’ispettorato una azienda, la quale mi ha assunto presso di loro come addetto carrellista e magazziniere, però la mia prima e unica giornata di prova l’ho passata a riordinare e pulire il piazzale esterno, facendomi spostare pesi oltre il mio limite, e dopo tutto questo la sera mi hanno comunicato, di non aver passato la prova.

 

La verifica sulla legittimità (o meno) del recesso durante il periodo di prova, in considerazione della brevità della prestazione effettuata e della non corrispondenza alle attività lavorative previste nel contratto di assunzione, potrà essere fatta esclusivamente da un giudice del lavoro, per cui La invito a rivolgersi ad un avvocato, anche per il tramite di un sindacato.

Entrando nel merito della faccenda, la brevità del periodo di prova e la mancata correlazione tra le mansioni contrattualizzate e le attività svolte durante la giornata di lavoro, mi porta a pensare che il recesso sia illegittimo, in quanto non è stato possibile esplicitare la sperimentazione prevista dall’articolo 2096 c.c.

Di seguito l’articolo 2096 del Codice Civile

Dispositivo dell’art. 2096 Codice civile

Salvo diversa disposizione [delle norme corporative], l’assunzione del prestatore di lavoro [3, 2071] per un periodo di prova deve risultare da atto scritto [1350 n. 13, 2241, 2725].

L’imprenditore e il prestatore di lavoro sono rispettivamente tenuti a consentire e a fare l’esperimento che forma oggetto del patto di prova [2241].

Durante il periodo di prova ciascuna delle parti può recedere dal contratto [1373], senza obbligo di preavviso o d’indennità. Se però la prova è stabilita per un tempo minimo necessario, la facoltà di recesso non può esercitarsi prima della scadenza del termine.

Compiuto il periodo di prova, l’assunzione diviene definitiva e il servizio prestato si computa nell’anzianità del prestatore di lavoro [2120].

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 502 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Ho una domestica che mi ha presentato le dimissioni. Devo aspettare che mi presenti le dimissioni telematiche per ritenerle valide?

No, le dimissioni presentate da lavoratori domestici (es. baby sitter, colf e badanti) non prevedono l’obbligatorietà delle c.d. dimissioni online (articolo 26, comma 7, decreto legislativo 151/2015). In generale, la

Per l’incremento della contribuzione per lavoratori a T.D., qual è l’ulteriore valore da pagare all’Inps in caso di rinnovo, come previsto dal decreto dignità?

Il datore di lavoro dovrà corrispondere una maggiorazione contributiva pari all’1,40% sul primo contratto a termine ed una maggiorazione dell’1,90% per ogni rinnovo del contratto a tempo determinato. Ciò sta

Qual è la procedura per le dimissioni di una dipendente che si è sposata 6 mesi fa? L’azienda come può essere sicura di aver chiuso il rapporto di lavoro?

La lavoratrice, per definire le sue dimissioni, deve compiere una duplice procedura: quella prevista dall’art. 26 del D.lvo 151/2015 (c.d. dimissioni online) e quella prevista dall’articolo 35, comma 4 del

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento