Cosa succede nel caso in cui l’azienda venga trovata con dei tirocinanti oltre il massimo consentito?

Cosa succede nel caso in cui l’azienda venga trovata con dei tirocinanti oltre il massimo consentito?

L’Accordo Stato/Regioni del 25 maggio 2017 fornisce le linee guida per i tirocini extracurriculari. Linee guida che sono in fase di recepimento da parte delle Regioni, deputate a disciplinare normativamente la materia.

In caso di “sforamento” del limite massimo di tirocinanti extracurriculari che una azienda può ospitare contemporaneamente, la sanzione prevista è il divieto di attivazione dei tirocini nei 12 mesi successivi.

La sanzione subisce un incremento in caso di recidiva:

  • nei casi di seconda violazione nell’arco di 24 mesi dal termine della prima interdizione opera un divieto di attivazione di nuovi tirocini, per una durata doppia rispetto al primo.
  • una terza violazione, nell’arco di 24 mesi dal termine della seconda interdizione, comporta l’interdizione permanente.

Leggi l’Accordo Stato/Regioni qui

Per maggiori informazioni leggi anche:

I tirocini formativi sotto la lente degli ispettori del lavoro [E. Massi]

 

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 510 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Subito dopo un contratto a tempo determinato per sostituzione posso riassumere il lavoratore per attività stagionale?

Riepilogo la fattispecie in modo da inquadrare la situazione: è in atto un contratto a tempo determinato che ha come causale la sostituzione di un lavoratore con diritto alla conservazione

È vero che hanno abrogato il lavoro a chiamata con l’ultimo jobs act?

  I contratti abrogati dal testo di riordino delle tipologie contrattuali di lavoro sono: il contratto ripartito (job sharing), l’associazione in partecipazione ed il contratto a progetto (rivisto nei termini

Quali sono le caratteristiche per considerare lavoratori in trasferta, piuttosto che trasfertisti, i miei dipendenti ed erogare la relativa indennità?

Ai sensi dell’articolo 7-quinquies, della Legge n. 225 del 1° dicembre 2016, per essere considerati trasfertisti, devono essere contestualmente presenti le seguenti condizioni: elemento formale: mancata indicazione nel contratto e/o

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento