Via libera della Camera al disegno di legge di conversione del decreto Milleproroghe : cosa cambia

image_pdfimage_print

Via libera della Camera dei Deputati al disegno di legge di conversione del decreto Milleproroghe, nel testo delle Commissioni. Tra le principali novità la rideterminazione dell’aliquota contributiva per i lavoratori autonomi titolari di partita IVA, la possibilità – per i contribuenti decaduti – di richiedere un nuovo piano, di rateazione con Equitalia, l’innalzamento al 70% dell’integrazione salariale destinata ai lavoratori impegnati in contratti di solidarietà, la riapertura dei termini per aderire al vecchio regime dei minimi.
A seguire le principali novità contenute negli emendamenti introdotti dalle Commissioni Affari costituzionali e Bilancio di Montecitorio :

Vecchio regime dei minimi in proroga nel 2015
Confermata la proroga di un anno, fino al 31 dicembre 2015, per le adesioni al vecchio regime dei minimi (con imposta sostitutiva al 5% e soglia di ricavi a 30.000 euro), in alternativa rispetto al nuovo regime forfetario introdotto dalla legge di Stabilità 2015. Il tutto, in attesa di un riordino complessivo della disciplina da definire in sede di attuazione della delega fiscale.
Partite IVA: stop all’aumento dei contributi alla Gestione separata
Stop, anche per il 2015, all’aumento dei contributi per i professionisti “senza cassa”, iscritti alla Gestione separata INPS, che non risultino iscritti ad altre gestioni di previdenza obbligatoria, né pensionati. La misura della contribuzione dovuta rimane, pertanto, confermata in misura pari al 27% (così come previsto per il 2014), in luogo del 30%.
Sterilizzati, parzialmente, anche gli aumenti previsti per il prossimo biennio, con la relativa contribuzione stabilita in misura pari al 28% (in luogo del 31%) per il 2016 e al 29% (in luogo del 32%) per il 2017.
Voluntary disclosure: termini di accertamento dimezzati anche per il quadro RW
Si consente il dimezzamento dei termini di accertamento per violazioni sul modulo RW per i soggetti che aderiranno alla collaborazione volontaria in relazione agli investimenti detenuti in Paesi black list che firmeranno con l’Italia un accordo sullo scambio di informazioni fiscali entro il 2 marzo 2015. Nello specifico, le violazioni da RW potranno essere contestate solamente a partire dal modello Unico 2010 (periodo d’imposta 2009).
In buona sostanza, l’emendamento allinea la disciplina con quanto già previsto dalla L. 186/2014 in relazione ai termini di accertamento fiscale che, a causa di un mancato coordinamento normativo, non si rendevano applicabili alle violazioni in materia di monitoraggio fiscale.
Cartelle esattoriali: riaperti i termini per la rateazione-bis
Riaprono i termini per la richiesta di una nuova dilazione di pagamento da parte dei contribuenti decaduti da un precedente piano di rateazione.
La relativa domanda dovrà essere presentata al concessionario entro il 31 luglio 2015, con riferimento alle rateazioni decadute nel 2014. In particolare, sarà possibile richiedere la concessione di un nuovo piano, fino a un massimo di 72 rate mensili, alla stregua di quanto già previsto lo scorso anno con il D.L. n. 66/2014.
Il nuovo piano non è prorogabile e decade in caso di mancato pagamento di due rate, anche non consecutive. Viene, inoltre, chiarito che a seguito della richiesta di rateazione non possano essere avviate nuove azioni esecutive.
Slitta di un anno la dichiarazione IVA “autonoma”
Rinviata al 2016 la cancellazione dell’obbligo di presentazione della dichiarazione IVA in forma unificata e della comunicazione dati IVA, prevista dalla legge di stabilità 2015. Conseguentemente, anche le dichiarazioni IVA 2016 (periodo d’imposta 2015) e 2017 (periodo d’imposta 2016), potranno essere presentate insieme al modello UNICO, entro il 30 settembre dell’anno di riferimento.
Appalti PA: anticipi contrattuali al 20%
Al fine di contenere gli effetti negativi, in termini di liquidità, per i fornitori delle Pubbliche Amministrazioni, derivanti dall’entrata in vigore dello “split payment”, si prevede la proroga al 31 dicembre 2016 delle disposizioni in materia di anticipazione del prezzo in favore dell’appaltatore. Sale, inoltre, al 20% (rispetto all’attuale 10%) l’importo dell’anticipo contrattuale che deve essere corrisposto all’appaltatore negli appalti della PA.
Fondo di garanzia: nuove regole sospese fino al 2016
Sospesa fino al 31 dicembre 2015 l’efficacia dei nuovi vincoli per l’accesso al fondo di garanzia per le PMI, introdotti dall’art. 1, comma 7, della legge di Stabilità 2015. Sono fatte comunque salve le garanzie eventualmente concesse fino alla data di entrata in vigore della legge di conversione del Milleproroghe.
CAF, nuovi requisiti dal 2016
Slitta di un anno l’obbligo di conformità ai nuovi requisiti minimi per i CAF, al fine di ottenere l’abilitazione all’invio dei 730 precompilati. Le nuove condizioni, pertanto, troveranno applicazione con riferimento alle dichiarazioni trasmesse per il triennio 2016-2018, in luogo del triennio 2015-2017.
Rinviato al 2016 il debutto dell’IMU secondaria
Confermato il rinvio al 2016 per il debutto dell’IMU secondaria, destinata a sostituire le tasse e i canoni di occupazione del suolo pubblico (TOSAP e COSAP), l’imposta sulla pubblicità e i diritti sulle pubbliche affissioni.
Sanatoria per la TARI senza delibera
Arriva la sanatoria per le delibere comunali in materia di tassa rifiuti (TARI) adottate entro il 30 novembre 2014, in deroga alla scadenza ordinaria. Nei Comuni che non hanno deliberato entro tale data la riscossione avverrà sulla base delle tariffe stabilite per il 2013, anche se riferibili alla soppressa TARES.
Proroga degli incentivi per il rientro dei cervelli
Prorogati fino al 2017 gli incentivi fiscali per il rientro dei ricercatori che si sono trasferiti all’estero. L’agevolazione, si ricorda, consiste nella detassazione ai fini IRPEF dei redditi di lavoro dipendente, autonomo e d’impresa, imponibili, rispettivamente, nella misura del 20% per le donne e del 30% per i lavoratori.
Contratti di solidarietà
Confermata per il 2015 la reintegrazione (nella misura del 70%) per i contratti di solidarietà, nel limite complessivo di 50 milioni di euro. Le risorse saranno destinate in via prioritaria ai contratti stipulati nel 2014.
Confermato il sodalizio Stato-Comuni per la lotta all’evasione
Per il triennio 2015-2017 i Comuni si vedranno riconosciuto il 100% delle maggiori somme accertate e riscosse da parte dell’Agenzia delle Entrate per effetto della partecipazione degli enti stessi alle azioni di contrasto all’evasione fiscale.
Regioni: sanatoria per le violazioni del patto di stabilità
Confermata, per il 2014, la disapplicazione delle sanzioni per le regioni che non hanno rispettato il patto di stabilità interno. Sanzioni inapplicabili anche nei confronti delle regioni che non hanno rispettato i vincoli e che hanno destinato al pagamento dei debiti commerciali una quota dell’obiettivo del patto di stabilità superiore al 50%.
Giudici di pace: più tempo per evitare la chiusura degli uffici periferici
Rinviato al 30 luglio 2015 il termine entro cui gli enti locali interessati potranno chiedere il mantenimento degli uffici dei Giudici di pace di cui era stata chiesta la chiusura.
Avvocati: nuova disciplina per l’esame di stato dal 2017
Slitta al 2017 il termine per la riforma dell’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense.
Farmacie: rinviate le nuove regole
Differita al 31 dicembre 2016 l’efficacia delle nuove disposizioni che disciplinano i requisiti per il trasferimento della titolarità delle farmacia. Fino a tale data, ai fini dell’acquisizione della titolarità di una farmacia, è richiesta esclusivamente l’iscrizione all’albo dei farmacisti.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1254 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento