Quando si parla di erogazione del welfare alla generalità dei dipendenti o a categorie di dipendenti, cosa si intende per categoria? quella legale (dirigenti, quadri, ecc.)?

Quando si parla di erogazione del welfare alla generalità dei dipendenti o a categorie di dipendenti, cosa si intende per categoria? quella legale (dirigenti, quadri, ecc.)?

Non necessariamente. L’Agenzia delle entrate, con la circolare n. 188/E del 1998 ha chiarito che l’espressione “categorie di dipendenti“, utilizzata dal legislatore, non va intesa soltanto con riferimento alle categorie previste nel codice civile (dirigenti, operai, etc.), bensì “a tutti i dipendenti di un certo tipo (ad esempio, tutti i dirigenti, o tutti quelli di un certo livello o una certa qualifica)”.  Un altro esempio idoneo ad individuare una categoria di dipendenti, nel senso richiesto dal legislatore, può essere: “tutti gli impiegati in trasferta”, in quanto è sufficiente ad impedire in senso teorico che siano concesse erogazioni ad personam in esenzione totale o parziale da imposte.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 510 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Un premio di risultato che per l’anno 2019 non ha diritto alla detassazione prevede comunque il welfare sul premio erogato?

Abbiamo un premio di risultato che per l’anno 2019 non ha diritto alla detassazione, in quanto gli obiettivi non sono incrementali rispetto allo scorso anno. Possiamo comunque prevedere il welfare

Durante il periodo di apprendistato , il lavoratore è tutelato con l’art. 18 o con le tutele crescenti?

Se il lavoratore in apprendistato è stato assunto prima del 7 marzo 2015 è in art. 18 (qualora l’azienda ne abbia i requisiti dimensionali); viceversa, se assunto dal 7 marzo è

Abbiamo assunto un lavoratore in mobilità fino alla data del 30/12/16, cambiata poi nel 28/12/16. Come lo comunico alla provincia?

  Può tranquillamente indicare nella causale della cessazione Unilav: “MT – Modifica del termine inizialmente fissato”. Andrete così a definire, anche formalmente, la reale durata del rapporto di lavoro.

2 Commenti

  1. axel
    Luglio 04, 15:07 Reply

    Sono stata assunta con contratto a t.d. di 7 mesi che scadrà il prossimo 31 luglio. Posso essere riassunta presso lo stesso datore di lavoro dal 01.08.19 in sostituzione di una dipendente in maternità. Grazie Alessandra

    • Roberto
      Luglio 08, 10:16 Reply

      Di default deve rispettare il cd “stop & go” tra due contratti a termine. Alcuni contratti collettivi dispongono esplicitamente i casi nei quali detta regola non è da applicare (ad esempio, qualora la riassunzione sia dovuta per motivi sostitutivi).

Lascia un commento