Quando si parla di erogazione del welfare alla generalità dei dipendenti o a categorie di dipendenti, cosa si intende per categoria? quella legale (dirigenti, quadri, ecc.)?

Quando si parla di erogazione del welfare alla generalità dei dipendenti o a categorie di dipendenti, cosa si intende per categoria? quella legale (dirigenti, quadri, ecc.)?

Non necessariamente. L’Agenzia delle entrate, con la circolare n. 188/E del 1998 ha chiarito che l’espressione “categorie di dipendenti“, utilizzata dal legislatore, non va intesa soltanto con riferimento alle categorie previste nel codice civile (dirigenti, operai, etc.), bensì “a tutti i dipendenti di un certo tipo (ad esempio, tutti i dirigenti, o tutti quelli di un certo livello o una certa qualifica)”.  Un altro esempio idoneo ad individuare una categoria di dipendenti, nel senso richiesto dal legislatore, può essere: “tutti gli impiegati in trasferta”, in quanto è sufficiente ad impedire in senso teorico che siano concesse erogazioni ad personam in esenzione totale o parziale da imposte.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 496 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

I 100 euro quale welfare previsto dal CCNL Metalmeccanica industria possono essere convertiti in contanti?

A mio avviso, ciò non è possibile in quanto l’articolo 17 del Ccnl Metalmeccanica industria prevede l’erogazione di strumenti di welfare del valore di 100 euro, per l’anno 2017. Questa

La stabilizzazione dei co.co.co., inserita nel jobs act, riguarda solo ex collaboratori della mia azienda o anche soggetti che hanno avuto collaborazioni in altre aziende?

La stabilizzazione, prevista dall’art. 54 del D.L.vo n. 81/2015, riguarda essenzialmente ex collaboratori coordinati e continuativi, anche a progetto, ovvero ex lavoratori autonomi di una determinata azienda che oggi è

Devo definire una risoluzione consensuale presso l’ispettorato del lavoro. Mi conferma che al lavoratore spetta la Naspi?

L’unico modo perché il lavoratore riceva la NASpI in caso di risoluzione consensuale del rapporto di lavoro è qualora ciò avvenga ai sensi del comma 40, articolo 1, della Legge

2 Commenti

  1. axel
    Luglio 04, 15:07 Reply

    Sono stata assunta con contratto a t.d. di 7 mesi che scadrà il prossimo 31 luglio. Posso essere riassunta presso lo stesso datore di lavoro dal 01.08.19 in sostituzione di una dipendente in maternità. Grazie Alessandra

    • Roberto
      Luglio 08, 10:16 Reply

      Di default deve rispettare il cd “stop & go” tra due contratti a termine. Alcuni contratti collettivi dispongono esplicitamente i casi nei quali detta regola non è da applicare (ad esempio, qualora la riassunzione sia dovuta per motivi sostitutivi).

Lascia un commento