Nei contratti a tempo determinato è obbligatorio inserire l’informazione sul diritto di precedenza?

Nei contratti a tempo determinato è obbligatorio inserire l’informazione sul diritto di precedenza?

Il diritto di precedenza deve essere espressamente richiamato nell’atto scritto ove viene identificato il termine del rapporto di lavoro. Ciò è previsto obbligatoriamente dall’articolo 24, comma 4, del decreto legislativo 81/2015.

Rispetto alla vecchia previsione di legge, attraverso la comunicazione preventiva fatta dal datore di lavoro, il lavoratore che non manifesta espressamente la volontà di aderire entro 6 mesi dalla cessazione del rapporto di lavoro a termine, decade dal diritto di precedenza.

Per maggiori informazioni un estratto dall’articolo 24, comma 4, del decreto legislativo 81/2015:

[…] Il diritto di precedenza deve essere espressamente richiamato nell’atto scritto di cui all’articolo 19, comma 4, e può essere esercitato a condizione che il lavoratore manifesti per iscritto la propria volontà in tal senso al datore di lavoro entro sei mesi dalla data di cessazione del rapporto di lavoro nei casi di cui ai commi 1 e 2, ed entro tre mesi nel caso di cui al comma 3. Il diritto di precedenza si estingue una volta trascorso un anno dalla data di cessazione del rapporto[…]

 

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 508 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Sono incinta al terzo mese di gravidanza. In caso di dimissioni ho diritto alla disoccupazione (NASpI)?

L’accesso alla NASpI, sussistendone gli altri requisiti, è consentito anche nel caso di dimissioni intervenute durante il periodo tutelato di maternità, ossia a partire da 300 giorni prima della data

Se distacco un mio lavoratore presso un’altra azienda, posso fatturare il suo lavoro all’azienda che riceve la prestazione?

Il distacco soggiace alle regole previste dall’art. 30 del d.l.vo 276/2003 e che si possono così sintetizzare: interesse del distaccante, temporaneità, titolarità del rapporto di lavoro sempre in capo al

Le chiedo se sia a conoscenza della possibilità o meno di usufruire del permesso per la Legge 104 “a ore”.

E’ possibile usufruire del permesso Legge 104 /1992 anche ad ore. Questa possibilità è stata concessa dall’Inps con il messaggio n. 16866/2007. In particolare, a solo titolo esemplificativo, un lavoratore

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento