Lavorare come OSS. Una figura di supporto per il personale sanitario

Come esercitare al meglio la professione sanitaria

Lavorare come OSS. Una figura di supporto per il personale sanitario

Lavorare come OSS. Gli Operatori Socio Sanitari sono figure professionali di supporto al personale medico e infermieristico. Forniscono cure e attenzioni verso pazienti totalmente o parzialmente autosufficienti al fine di garantire il benessere psicofisico e sociale.

Le principali richieste per esercitare la professione:

  • L’OSS deve garantire il benessere psicologico del paziente. Il compito principale è quello di creare delle attività ludiche in modo da stimolare le capacità psicomotorie dell’assistito. Bisogna quindi sostenere processi di socializzazione e favorire la partecipazione dell’utente.
  • Deve creare le condizioni di cura ideali. L’OSS deve garantire la disinfezione dell’ambiente e la sterilizzazione degli strumenti utilizzati. Non meno importante è l’adozione di un comportamento idoneo alla prevenzione e alla riduzione del rischio professionale.
  • Bisogna assistere alla salute della persona. Un operatore deve saper applicare delle semplici medicazione e aiutare il paziente nell’assunzione dei farmaci. L’OSS deve riconoscere tempestivamente eventuali problematiche. Bisogna infatti intervenire quando ci sono casi di alterazione fisica che possono indurre ad un peggioramento delle condizioni di salute (pallore, sudorazione eccessiva, dolore al braccio e così via).
  • Deve curare i bisogni primari del paziente. L’OSS deve supportare il paziente ad espletare le sue funzioni primarie. Deve quindi garantirgli l’igiene personale, la vestizione, la mobilità e l’assunzione dei cibi. Bisogna necessariamente adottare delle misure adeguate per l’assunzione di una postura corretta al fine di evitare sindromi da immobilizzazione. In più deve nutrire il paziente e preparare i cibi rispettando le specifiche dietetiche del personale medico.

Lavorare come OSS. La qualifica da ottenere

Per diventare OSS è necessario seguire un corso di formazione professionale in cui vi sono lezioni frontali seguite da un tirocinio. Al termine della prova gli aspiranti OSS devono sostenere un esame finale per ottenere la qualifica nazionale. I corsi OSS sono distribuiti su tutto il territorio italiano e organizzati da enti pubblici come Asl e aziende ospedaliere. Dopo aver acquisito le competenze tecniche e relazionali richieste, l’operatore socio sanitario può svolgere la sua attività come dipendente pubblico presso strutture sanitarie o presso strutture private tramite assunzione diretta.

Lavorare come OSS. Gli stipendi medi di un operatore socio sanitario

Nel settore pubblico, stando all’ultimo CCNL firmato dalle parti, L’OSS che rientra nella categoria B percepisce un reddito mensile di 1.500 euro. Nel settore privato invece, stando sempre all’ultimo contratto del CCNL, il reddito mensile è di 1436 euro. Non mancano però testimonianze di Operatori Socio Sanitari che lavorando nel settore privato percepiscono un reddito mensile inferiore ai 1.000 euro. In alcuni casi i privati possono guadagnare anche oltre 1.500 euro mensili.

Lavorare come OSS. Offerta di lavoro a Chivasso (Torino)

L’agenzia del lavoro Generazione Vincente ricerca per azienda cliente operante nel settore sanitario un Operatore Socio Sanitario provvisto di qualifica.

Invia la tua candidatura

 

Sull' autore

Roberto Caiazzo
Roberto Caiazzo 10 posts

Mi occupo di social media marketing e scrittura per il web. Amo scrivere e comunicare a 360 gradi. "Il modo in cui comunichiamo con gli altri e con noi stessi determina la qualità della nostra vita".

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Come gestire l’uso dei social network al lavoro. Trarne vantaggio stilando delle linee guida

I social network sono ormai parte integrante della nostra vita di tutti i giorni: ci permettono di condividere idee e fotografie con i nostri amici, ci ricordano i compleanni ,

L’innovazione sociale genera sviluppo : le potenzialità occupazionali del Terzo Settore

Il cosidetto Terzo Settore sta accrescendo il suo appeal e diventerà sempre più, nel futuro, l’architrave di un revisionato sistema di riforme. Il valore del Capitale Sociale è a livello

Work Life Balance – Come bilanciare la vita privata e quella professionale

Quando si affronta l’argomento del work life balance si fa riferimento ad una strategia aziendale attraverso la quale la vita professionale di un dipendente è bilanciata in modo equilibrato con la sua sfera privata.

1 Commento

  1. giuseppe
    Luglio 16, 13:40 Reply

    salve sono un dipendente dell asp 5 di messina con la qualifica di oss a milazzo …

    ero un ausiliari specializzato in servizio a taomina a traverso una conversione interna sono passato in oss a milazzo x cui ho chiesto all azienza l esonero del periodo di prova secondo l art 25 comma 12 e 13 CCNL , allegando alla domanda la copia del contratto di lavoro presso garibaldi di catania con la qualifica di oss a tempo determinato di durata 3 anni ….

    l azienda mi risponde che e data per tanto facolta all azienda di esonerare o no il dipendente?!!!!!!

    vi chiedo se l intreppetazione dell art 25 comma 12-13 del ccnl sia coretta???? …..dal mio avviso no!!!!

    xke il POSSONO secondo l azienda viene tradotto a descrizione l oro …….grazie

Lascia un commento