fbpx

Un mio lavoratore mi ha informato che durante le prossime elezioni europee dovrà fare da scrutatore. Come gestisco l’assenza?

Un mio lavoratore mi ha informato che durante le prossime elezioni europee dovrà fare da scrutatore. Come gestisco l’assenza?

Per coloro i quali svolgeranno le funzioni di presidente, segretario, scrutatore o rappresentante di lista del seggio elettorale, viene riconosciuto il diritto di assentarsi dal lavoro per tutto il periodo corrispondente alla durata delle votazioni e per i relativi scrutini.

I giorni di assenza sono considerati a tutti gli effetti giorni di attività lavorativa, per cui l’azienda non può, per quelle giornate, richiedere prestazioni lavorative.

 

Testo unico delle leggi elettorali e successive modifiche

  1. I giorni di assenza dal lavoro compresi nel periodo di cui al comma 1 sono considerati, a tutti gli effetti, giorni di attività lavorativa[*].

[*] In base all’art. 1, comma 1, della legge 29 gennaio 1992, n. 69, il comma 2 dell’art. 119 va inteso nel senso che i lavoratori di cui al comma 1 dello stesso art. 119 hanno diritto al pagamento di specifiche quote retributive, in aggiunta alla ordinaria retribuzione mensile, ovvero a riposi compensativi, per i giorni festivi o non lavorativi eventualmente compresi nel periodo di svolgimento delle operazioni elettorali.

  1. 29 gennaio 1992, n. 69 (1)

Interpretazione autentica del comma 2 dell’articolo 119 del testo unico delle leggi recanti norme per la
elezione della Camera dei deputati, approvato con D.P.R. 30 marzo 1957, n. 361, in materia di
trattamento dei lavoratori investiti di funzioni presso i seggi elettorali (2).

Articolo 1

  1. Il comma 2 dell’articolo 119 del testo unico delle leggi recanti norme per la elezione della Camera
    dei deputati, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 30 marzo 1957, n. 361, come
    sostituito dall’articolo 11 della legge 21 marzo 1990, n. 53, va inteso nel senso che i lavoratori di cui al
    comma 1 dello stesso articolo 119 hanno diritto al pagamento di specifiche quote retributive, in
    aggiunta alla ordinaria retribuzione mensile, ovvero a riposi compensativi, per i giorni festivi o non
    lavorativi eventualmente compresi nel periodo di svolgimento delle operazioni elettorali.

(1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 13 febbraio 1992, n. 36.
(2) Il presente provvedimento è anche riportato, per coordinamento, in nota all’art. 119, D.P.R. 30
marzo 1957, n. 361.

 

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 695 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Nella nostra azienda lavora un lavoratore a chiamata , abbiamo limiti al suo utilizzo?

Se il contratto applicato dall’azienda non è quello dello spettacolo, turismo o commercio, il massimale delle giornate di “chiamata” che un lavoratore intermittente può fare è pari a

Cambio d’appalto: i lavoratori acquisiti vanno conteggiati nella quota di riserva dei disabili?

I lavoratori acquisiti dal nuovo appaltatore, per cambio d’appalto, non dovranno essere conteggiati nel Prospetto informativo, previsto per il mese di gennaio, e quindi non entreranno nel computo per il

I tirocini curriculari prevedono l’obbligo di una indennità di prestazione per il ragazzo?

Né la legge, né la normativa regionale prevede l’obbligo di corrispondere una indennità per i tirocini curriculari che, ricordo non essere rapporti di lavoro ma utilizzati quale periodo di alternanza

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.