In merito alla continuazione del rapporto a tempo determinato oltre la scadenza: era possibile in base al D. Lvo 81/2015, lo è anche ora con la Legge 96/2018?

In merito alla continuazione del rapporto a tempo determinato oltre la scadenza: era possibile in base al D. Lvo 81/2015, lo è anche ora con la Legge 96/2018?
image_pdfimage_print

Vorrei chiedervi un chiarimento in merito alla continuazione del rapporto a tempo determinato oltre la scadenza: Era possibile in base al D. Lgs 81/2015, lo è anche ora con la Legge 96/2018? Parlo dell’ulteriore periodo dopo il raggiungimento dei 24 mesi massimi.

 La cd “prosecuzione di fatto” è ancora fattibile, ai sensi dell’art. 22 del DLvo 81/2015. Non è prevista alcuna comunicazione al Centro per l’Impiego. Le giornate ulteriori dovranno essere riportate nel LUL con la relativa maggiorazione.

Si ricordi che il periodo massimo previsto è di 30 giorni se il contratto scaduto era inferiore a 6 mesi e 50 giorni se il contratto scaduto era pari o superiore ai 6 mesi.

Di seguito un estratto dell’art. 22 del D.Lvo 81/2015:

Art. 22. Continuazione del rapporto oltre la scadenza del termine

  1. Fermi i limiti di durata massima di cui all’articolo 19, se il rapporto di lavoro continua dopo la scadenza del termine inizialmente fissato o successivamente prorogato, il datore di lavoro è tenuto a corrispondere al lavoratore una maggiorazione della retribuzione per ogni giorno di continuazione del rapporto pari al 20 per cento fino al decimo giorno successivo e al 40 per cento per ciascun giorno ulteriore.
  2. Qualora il rapporto di lavoro continui oltre il trentesimo giorno in caso di contratto di durata inferiore a sei mesi, ovvero oltre il cinquantesimo giorno negli altri casi, il contratto si trasforma in contratto a tempo indeterminato dalla scadenza dei predetti termini. 

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 489 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

In caso di inserimento nel nostro CCAL di permessi retribuiti (non previsti nel CCNL), in che misura si può accedere alle agevolazioni del DM 12/9/2017 per la conciliazione vita-lavoro?

Prima di richiedere le agevolazioni previste dal DM 12 settembre 2017, l’azienda deve verificare i seguenti requisiti fondamentali previsti dalla norma: 1 –  Si deve trattare di Contratti aziendali sottoscritti

Quali sono i termini per impugnare un licenziamento che ritengo illegittimo?

A norma dell’articolo 6 della legge 604/1966 il licenziamento deve essere impugnato a pena di decadenza entro 60 giorni dalla ricezione della sua comunicazione in forma scritta. L’impugnazione è inefficace se non è seguita, entro il

È obbligatorio lo stop&go tra un contratto di somministrazione e l’altro all’interno della medesima azienda e per la stessa mansione?

Confrontandomi con una delle Agenzia per il Lavoro, con la quale collaboriamo da anni, è emerso che non è necessario lo stop&go di 10 o 20 giorni tra un contratto

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento