Ho una lavoratrice che volontariamente mi ha dato la disponibilità ad iniziare l’attività lavorativa alle 5 del mattino. La lavoratrice ha un figlio di 8 mesi, sono in regola?

Ho una lavoratrice che volontariamente mi ha dato la disponibilità ad iniziare l’attività lavorativa alle 5 del mattino. La lavoratrice ha un figlio di 8 mesi, sono in regola?

La lavoratrice si trova nel periodo tutelato dall’articolo 11 del decreto legislativo 66/2003, che vieta espressamente la possibilità di adibire le donne al lavoro, dalle ore 24 alle ore 6, dall’accertamento dello stato di gravidanza fino al compimento di un anno di età del bambino. Nel caso specifico, la lavoratrice non può svolgere attività lavorativa, negli orari suindicati, sino al compimento di un anno del bambino; neanche qualora abbia volontariamente dato la propria disponibilità.

In caso di violazione al precetto dell’articolo 11, il datore di lavoro è punito con l’arresto da 2 a 4 mesi o con l’ammenda da 516 a 2.582 euro.

Ricordo, infine, che dopo tale data e sino al compimento dei 3 anni del bambino/a, la lavoratrice potrà prestare attività lavorativa notturna solo se consenziente.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 582 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Devo procedere all'assunzione a tempo indeterminato di un pensionato. Posso avvalermi dell’esonero contributivo biennale?

Sì, in quanto così espressamente indicato dal Ministero del Lavoro con l’interpello n. 4/2016. Mi raccomando, verifichi anche gli altri requisiti richiesti dalla legge come, ad esempio, il fatto che

Se vengo licenziato per giusta causa, ritornando al Centro per l’impiego potrò richiedere la Naspi ?

Sì, tutte le risoluzioni del rapporto lavoro avvenute con un atto unilaterale di licenziamento del datore di lavoro fanno nascere, in capo al lavoratore, la possibilità di richiedere la Naspi. Nel caso

Dobbiamo mandare, per un breve periodo, in distacco un lavoratore per un interesse della nostra azienda. Dobbiamo richiedere l’autorizzazione del lavoratore?

E’ buona norma che l’azienda sottoponga al lavoratore una lettera che evidenzi i motivi del distacco e che venga sottoscritta per accettazione da quest’ultimo. Ci sono solo 2 avvertenze da seguire:

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento