fbpx

Il nostro RSSP, responsabile della protezione e prevenzione, mi chiede se ho mai comunicato all’Inail, come datore di lavoro, i nominativi dei RLS. È obbligatoria la comunicazione?

Il nostro RSSP, responsabile della protezione e prevenzione, mi chiede se ho mai comunicato all’Inail, come datore di lavoro, i nominativi dei RLS. È obbligatoria la comunicazione?

Sì, la comunicazione è obbligatoria (articolo 18, lettera aa, del decreto legislativo 81/2008) e va fatta in modalità telematica, attraverso la Sezione servizionline del portale Inail > Dichiarazione Rls.

In caso di mancata comunicazione, il datore di lavoro e il dirigente che organizza e dirige l’attività secondo le attribuzioni e le competenze ad esso conferite, sono puniti con una sanzione amministrativa da 61,42 a 368,56 euro.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 647 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

È obbligatorio concedere lo smart-working “totale” ad un dipendente con figli?

A fronte di una richiesta di smart-working fatta da un lavoratore genitore di figlio under 14, è obbligatorio concedere lo smart-working “totale” o l’Azienda può concederlo solo per qualche giorno

Ho alcuni lavoratori che vengono retribuiti in misura fissa mensile; devo registrare analiticamente le ore di lavoro nel LUL?

Il Ministero del Lavoro, nel Vademecum del 2008 sul Libro unico ( LUL ), ha precisato che i soggetti per i quali non si devono registrare analiticamente le ore di

La mia azienda sta acquisendo una società che ha molti contratti a termine. Questi dipendenti a tempo determinato vengono computati nel mio limite massimo, sforando la percentuale prevista dal contratto collettivo?

Per quanto riguarda i rapporti di lavoro a tempo determinato esenti dal computo del limite massimo previsto dal contratto collettivo nazionale, rientrano i rapporti a termine acquisiti nelle ipotesi di

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento