Retribuzione dei lavoratori distaccati da Paese estero [Corte Europea di Giustizia]

image_pdfimage_print

La Corte di Giustizia Europea, con la decisione sulla causa C-396/2013 , ha affermato che i lavoratori di aziende straniere di uno Stato membro dell’Unione che operano in regime di distacco internazionale  (il concetto include anche le ipotesi di appalto e di somministrazione) debbono ricevere un trattamento economico non inferiore a quello previsto dal CCNL che si applica nel Paese ove si opera.Tale principio non è che la diretta esplicazione della Direttiva n. 96/1971.
La decisione nasce a seguito di un ricorso di 86 lavoratori polacchi inviati da un’impresa polacca ad operare in Finlandia.

Fonte: Corte Europea di Giustizia

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1254 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Cassazione: sicurezza in azienda e responsabilità del datore per la formazione

Con la sentenza n. 21242 del 26 maggio 2014, la Corte di Cassazione ha affermato la responsabilità del datore di lavoro sul mancato obbligo formativo previsto dal TU sulla sicurezza (Decreto Legislativo n. 81/2008), per

Inps, fondi di solidarietà per il sostegno al reddito – Circolare n. 99/2014

Legge 28 giugno 2012, n. 92 “Disposizioni in materia di riforma del  mercato del lavoro in una prospettiva di crescita”, e successive modifiche ed integrazioni (in particolare, legge di stabilità

INL: maggiori tutele per i lavoratori distaccati in Italia

L’Ispettorato nazionale del Lavoro, congiuntamente al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ha emanato la circolare n. 3 del 22 dicembre 2016, con la quale fornisce indicazioni operative circa

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento