Retribuzione dei lavoratori distaccati da Paese estero [Corte Europea di Giustizia]

image_pdfimage_print

La Corte di Giustizia Europea, con la decisione sulla causa C-396/2013 , ha affermato che i lavoratori di aziende straniere di uno Stato membro dell’Unione che operano in regime di distacco internazionale  (il concetto include anche le ipotesi di appalto e di somministrazione) debbono ricevere un trattamento economico non inferiore a quello previsto dal CCNL che si applica nel Paese ove si opera.Tale principio non è che la diretta esplicazione della Direttiva n. 96/1971.
La decisione nasce a seguito di un ricorso di 86 lavoratori polacchi inviati da un’impresa polacca ad operare in Finlandia.

Fonte: Corte Europea di Giustizia

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1254 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Bonus baby sitter 2017 – Blocco delle domande per abrogazione dei voucher

Abrogazione dei voucher. Con l’abolizione del Lavoro Accessorio, non è possibile usufruire dell’incentivo previsto per la madre lavoratrice che aveva la facoltà di richiedere, al termine del congedo di maternità ed entro

Cassazione: licenziamento e ridistribuzione delle mansioni

La Corte di Cassazione ha ritenuto legittimo il licenziamento per giustificato motivo oggettivo operato dal datore di lavoro che, ad esito di un processo di riorganizzazione tecnico-produttiva, anziché sopprimere il

Ministero del Lavoro: decontribuzione contratti di solidarietà

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, in data 18 aprile 2018, comunica che, ai sensi di quanto stabilito nel Decreto interministeriale n. 2/2017, art. 4, comma 4 e nella Circolare

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento