Retribuzione dei lavoratori distaccati da Paese estero [Corte Europea di Giustizia]

image_pdfimage_print

La Corte di Giustizia Europea, con la decisione sulla causa C-396/2013 , ha affermato che i lavoratori di aziende straniere di uno Stato membro dell’Unione che operano in regime di distacco internazionale  (il concetto include anche le ipotesi di appalto e di somministrazione) debbono ricevere un trattamento economico non inferiore a quello previsto dal CCNL che si applica nel Paese ove si opera.Tale principio non è che la diretta esplicazione della Direttiva n. 96/1971.
La decisione nasce a seguito di un ricorso di 86 lavoratori polacchi inviati da un’impresa polacca ad operare in Finlandia.

Fonte: Corte Europea di Giustizia

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1254 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

La sentenza viene superata dall’accordo conciliativo [Cassazione]

Con la sentenza n. 20006 dell’11 agosto 2017, la Corte di Cassazione ha chiarito che con la firma del verbale di conciliazione viene a cessare la materia del contendere, sconfessando,

Orario e fisso mensile, parametri per la subordinazione [ cassazione]

Con la sentenza n. 618 del 15 gennaio 2015, la Corte di Cassazione ha confermato che il rispetto dell’orario e il compenso fisso mensile sono parametri fondamentali al fine del riconoscimento della natura subordinata del rapporto; ciò indipendentemente dalla

Licenziamento ed obbligo di repechage ( Tribunale di Roma )

Con sentenza n. 8472 del 22 settembre 2014, il Tribunale di Roma ha affermato che il licenziamento per giustificato motivo è illegittimo, con pagamento dell’indennità risarcitoria, in tutte quelle ipotesi in

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento