Una mia dipendente si è sposata a maggio 2018 e ha rassegnato le dimissioni online, deve convalidare all’ispettorato le stesse dimissioni?

Una mia dipendente si è sposata a maggio 2018 e ha rassegnato le dimissioni online, deve convalidare all’ispettorato le stesse dimissioni?

Una mia dipendente si è sposata a maggio 2018, ha rassegnato le dimissioni online (attraverso patronato) in data 5 aprile 2019, però non dovrebbe andare a convalidare all’ispettorato le stesse dimissioni? in questo caso è mio compito informare il lavoratore di fare questo passo successivo? io incorro in qualcosa come datore di lavoro se faccio finta di nulla?

La lavoratrice che si trova nel periodo tra la data di pubblicazione del matrimonio e l’anno dalla celebrazione dello stesso, oltre a fare le dimissioni online, deve effettuare la procedura di convalida presso l’ispettorato del lavoro entro un mese dalle dimissioni. Nel caso in cui non vengano confermate dinanzi all’ispettorato, le dimissioni sono considerate nulle (articolo 35, comma 3, Decreto Legislativo 198/2006).

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 520 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Per licenziare un lavoratore che ha raggiunto l'età pensionabile di vecchiaia, l'azienda deve attendere il raggiungimento dei 70 anni?

L’azienda può risolvere il rapporto di lavoro con un licenziamento “ad nutum” al raggiungimento dei requisiti pensionistici di vecchiaia del lavoratore (2016: 66 anni e 7 mesi). Il datore di

Posso utilizzare un ragazzo appena diplomato come lavoratore autonomo occasionale?

Per essere considerato lavoratore autonomo occasionale, ai sensi dell’art. 2222 c.c., il rapporto di lavoro deve avere le seguenti caratteristiche: tempo limitato per la sua effettuazione, assenza di subordinazione e

Sull’incentivo all’ esodo va pagata la contribuzione agli istituti previdenziali ?

No. Dalla retribuzione imponibile sono escluse le somme corrisposte in occasione della cessazione del rapporto di lavoro, al fine di incentivare l’ esodo dei lavoratori. L’indicazione fornita dal legislatore è

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento