Qual è la sanzione prevista nel caso in cui l’azienda non effettui la sorveglianza sanitaria per lavoro notturno?

Qual è la sanzione prevista nel caso in cui l’azienda non effettui la sorveglianza sanitaria per lavoro notturno?
image_pdfimage_print

L’azienda ha l’obbligo, in caso di lavoratori notturni, di effettuare la sorveglianza sanitaria sullo stato di salute, che prevede visite di controllo preventive e periodiche (almeno ogni 2 anni – il periodo può essere rivisto dalla contrattazione collettiva), a totale cura e spese del datore di lavoro.

Visite straordinarie possono essere effettuate in caso di specifiche necessità (es. nuove patologie del lavoratore, aggravamento delle condizioni di salute, ecc.).

In caso di violazione dell’obbligo di sottoporre il lavoratore notturno alla sorveglianza sanitaria è prevista la sanzione dell’arresto da 3 a 6 mesi o l’ammenda da 1.549 a 4.131 euro.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 481 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

I dirigenti, qualora assunti a tempo determinato, devono essere considerati nel limite massimo di contratti a termine dell’azienda ?

No, i dirigenti sono fuori dal computo massimo di contratti a termine , ciò in considerazione dell’art. 10, co.4 del D.L.vo n. 368/2001.

Se una persona, iscritta nelle liste di mobilità, lavora con contratto a termine 12 mesi e poi successivamente viene confermata a tempo indeterminato entro il 2015, l’azienda, oltre ad avere lo sgravio per i successivi 12 mesi gode anche delle agevolazioni degli 8mila euro per 3 anni ?

In relazione agli incentivi per l’assunzione di lavoratori iscritti nelle liste di mobilità ex art. 6 della legge n. 223/1991, risulta cumulabile con l’esonero contributivo esclusivamente il contributo di cui

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento