Per la gestione di un lavoratore intermittente è possibile fare una chiamata per ogni giorno lavorativo del mese? è meglio fare altro contratto di lavoro?

Per la gestione di un lavoratore intermittente è possibile fare una chiamata per ogni giorno lavorativo del mese? è meglio fare altro contratto di lavoro?
image_pdfimage_print

La gestione di un lavoratore intermittente risulta essere difficoltosa…  nel senso che io faccio la comunicazione delle chiamate ma poi il lavoratore viene chiamato dal capo reparto in altre giornate a prestare la propria attività dove non ci sono chiamate. Per cui lavora in giornate in cui non risulta al lavoro. Le chiedo: è possibile fare una chiamata per ogni giorno lavorativo del mese? è meglio fare altro contratto di lavoro?   es. part-time con orario settimanale senza specifica su orario giornaliero?

Da quello che riesco a capire dalle sue affermazioni, risulta un problema organizzativo interno.

Chi fa “fisicamente” la chiamata al lavoratore dovrebbe poi fare, immediatamente dopo aver ricevuto la sua adesione, la comunicazione telematica al sito cliclavoro.gov.it. In questo modo, non ci dovrebbero essere scoperture per mancate comunicazioni al Ministero del Lavoro.

Il contratto intermittente permette di fare una comunicazione di chiamata ogni volta che avviene la prestazione (l’importante è che avvenga prima dell’inizio della prestazione) ovvero un ciclo integrato di prestazioni, di durata non superiore a 30 giorni (esempio, mese di maggio: 3 – 6 – 12 – 15 – 18 – ecc.). In questo caso, è importante non effettuare la comunicazione di più di 12 giorni di lavoro consecutivi, in quanto l’Ispettorato del lavoro potrebbe ravvisare l’assenza dei riposi settimanali.

Per quanto riguarda il suo ultimo quesito (part-time con orario settimanale senza specificare l’orario giornaliero), la cosa non è fattibile, in quanto il contratto part-time prevede l’obbligo dell’indicazione del numero di ore settimanali e della loro collocazione all’interno del giorno e della settimana.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 481 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Un lavoratore ha presentato le dimissioni la scorsa settimana ma, dopo un accordo con l'azienda di natura economica, vuole continuare a prestare la propria attività. Deve revocare le dimissioni?

No, non è necessario. Qualora non segua, alla procedura telematica di dimissioni, la comunicazione dell’azienda al centro per l’impiego, si da per assodata la continuazione del rapporto di lavoro.

Per aziende straniere che distaccano lavoratori in Italia, in che modo si devono nominare i due referenti? Cosa si intende per “comunicazione pubblica”?

  Ad oggi, non essendoci ancora chiarimenti ministeriali in merito, Le fornisco le seguenti risposte ai suoi quesiti: 1: la norma parla di “nomina” e non di assunzione, per cui

In merito alla continuazione del rapporto a tempo determinato oltre la scadenza: era possibile in base al D. Lvo 81/2015, lo è anche ora con la Legge 96/2018?

Vorrei chiedervi un chiarimento in merito alla continuazione del rapporto a tempo determinato oltre la scadenza: Era possibile in base al D. Lgs 81/2015, lo è anche ora con la

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento