Per la gestione di un lavoratore intermittente è possibile fare una chiamata per ogni giorno lavorativo del mese? è meglio fare altro contratto di lavoro?

Per la gestione di un lavoratore intermittente è possibile fare una chiamata per ogni giorno lavorativo del mese? è meglio fare altro contratto di lavoro?

La gestione di un lavoratore intermittente risulta essere difficoltosa…  nel senso che io faccio la comunicazione delle chiamate ma poi il lavoratore viene chiamato dal capo reparto in altre giornate a prestare la propria attività dove non ci sono chiamate. Per cui lavora in giornate in cui non risulta al lavoro. Le chiedo: è possibile fare una chiamata per ogni giorno lavorativo del mese? è meglio fare altro contratto di lavoro?   es. part-time con orario settimanale senza specifica su orario giornaliero?

Da quello che riesco a capire dalle sue affermazioni, risulta un problema organizzativo interno.

Chi fa “fisicamente” la chiamata al lavoratore dovrebbe poi fare, immediatamente dopo aver ricevuto la sua adesione, la comunicazione telematica al sito cliclavoro.gov.it. In questo modo, non ci dovrebbero essere scoperture per mancate comunicazioni al Ministero del Lavoro.

Il contratto intermittente permette di fare una comunicazione di chiamata ogni volta che avviene la prestazione (l’importante è che avvenga prima dell’inizio della prestazione) ovvero un ciclo integrato di prestazioni, di durata non superiore a 30 giorni (esempio, mese di maggio: 3 – 6 – 12 – 15 – 18 – ecc.). In questo caso, è importante non effettuare la comunicazione di più di 12 giorni di lavoro consecutivi, in quanto l’Ispettorato del lavoro potrebbe ravvisare l’assenza dei riposi settimanali.

Per quanto riguarda il suo ultimo quesito (part-time con orario settimanale senza specificare l’orario giornaliero), la cosa non è fattibile, in quanto il contratto part-time prevede l’obbligo dell’indicazione del numero di ore settimanali e della loro collocazione all’interno del giorno e della settimana.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 548 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Come avviene il calcolo delle 400 giornate nel Contratto intermittente?

La circolare del Ministero del Lavoro n. 35/2013 evidenzia che “il ricorso a prestazioni di lavoro intermittente è ammesso, per ciascun lavoratore con il medesimo datore di lavoro, per un

Con il consenso del lavoratore, ho intenzione di cedere il contratto di lavoro ad un’altra azienda. Quale è la procedura di base?

La cessione di un contratto di lavoro è disciplinata dall’art. 1406 del codice civile. La procedura può essere così sintetizzata: Sottoscrivere un accordo tra le parti che vada a definire

La mia azienda sta aprendo una nuova unità produttiva. Posso avere le agevolazioni previste per le Start-up innovative? Tra cui assumere lavoratori a termine senza il limite percentuale?

L’apertura di una nuova unità produttiva non evidenzia, di per se, la costituzione di una Start-up innovativa. Deve verificare i requisiti previsti dall’articolo 25 del Decreto Legge 179/2012 convertito, con

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento