Online tutti i modelli definitivi per la dichiarazione dei redditi 2015 [ Agenzia Entrate ]

image_pdfimage_print

L’Agenzia delle Entrate pubblica, sul proprio sito , le versioni definitive delle dichiarazioni Unico 2015 Persone Fisiche (PF), Enti non commerciali (Enc), Società di capitali (Sc), Società di persone (Sp), Consolidato nazionale e mondiale (Cnm) e Irap.
Ecco alcune delle principali novità:

  • Unico Pf, cosa c’è di nuovo – Nel modello Unico Pf 2015 trovano spazio il bonus Irpef riconosciuto in busta paga ai lavoratori dipendenti con reddito complessivo non superiore a 26mila euro, il credito di imposta del 65% per le donazioni a sostegno della cultura (Art-Bonus), la detrazione del 19% per giovani agricoltori under 35. Inoltre, la proroga a tutto il 2015 dell’eco-bonus, del bonus mobili e della detrazione per ristrutturazioni edilizie.

 

  • Unico Enc e Sp, ai blocchi di partenza l’Art-Bonus – Gli enti non commerciali e le società semplici che effettuano erogazioni liberali a favore della cultura nell’ambito dell’attività non commerciale compilano il nuovo prospetto del quadro RS (Unico Enc) o del quadro RN (Unico Sp) per determinare il credito d’imposta (Art-Bonus) da utilizzare per ridurre l’Ires dovuta (Unico Enc) o da trasferire ai soci (Unico Sp). Invece, i contribuenti che effettuano le erogazioni liberali nell’ambito dell’attività commerciale compilano il quadro RU.

 

  • Consolidato, trasparenza fiscale e tonnage tax: nuove modalità di comunicazione – Dal 2015 la comunicazione all’Agenzia delle Entrate dell’esercizio dell’opzione per i regimi di tassazione del consolidato nazionale, della trasparenza fiscale e della tonnage tax è effettuata con la dichiarazione dei redditi presentata nel periodo d’imposta a decorrere dal quale si intende esercitare l’opzione; i contribuenti devono, quindi, compilare il nuovo quadro OP del modello Unico.

 

  • Modello Irap, arriva la nuova deduzione per l’incremento occupazionale – Il datore di lavoro che registra un incremento del numero dei lavoratori dipendenti può dedurre, a partire da quest’anno, il costo sostenuto per i lavoratori assunti con contratto a tempo indeterminato per un importo fino a 15mila euro per dipendente. La deduzione spetta per il periodo d’imposta in cui è avvenuta l’assunzione e per i due successivi. Chi vanta un’eccedenza di deduzione Ace nel modello Unico, inoltre, può trasformare, dal 2015, l’eccedenza in credito d’imposta utilizzabile ai fini Irap. Infine, comunicazioni più semplici con l’opzione Irap in dichiarazione. Infatti, le società di persone e le imprese individuali, in regime di contabilità ordinaria, che optano per la determinazione del valore della produzione netta secondo le regole dettate per le società di capitali e gli enti commerciali, possono comunicare l’opzione direttamente in dichiarazione.

Per scaricare i modelli clicca qui

Fonte: Agenzia delle Entrate

 

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1254 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

INPS: cir.47/2016 – l’Assegno di Disoccupazione (ASDI)

  L’Inps ha pubblicato la circolare n. 47 del 3 marzo 2016, con la quale fornisce alcuni chiarimenti in merito all’Assegno di Disoccupazione (ASDI). L’ASDI ha la funzione di fornire

INPS: le novità per aziende agricole e del turismo alle Prestazioni occasionali

L’Inps, in un comunicato stampa pubblicato sul proprio sito internet (www.inps.it), evidenzia le modifiche apportate dall’articolo 2 bis della legge 96/2018, di conversione del decreto legge 87/2018, alla materia delle prestazioni

Facciamo chiarezza sui controlli a distanza nel jobs act [Garante privacy]

Il Garante per la protezione dei dati personali ha pubblicato, su proprio sito internet, una lettera aperta con alcune riflessioni in materia di controlli a distanza, dopo le modifiche apportate

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento