fbpx

Proroga della CIGS e della mobilità in deroga per il 2014 [INPS]

L’Inps ha emanato il messaggio n. 848 del 3 febbraio 2015, con il quale fornisce le istruzioni operative al Decreto Interministeriale (Lavoro – Economia) n. 87342/2015, che ha prorogato per l’anno 2014:

  • la CIGS in deroga per il 2014 in favore dei lavoratori dipendenti dalle aziende già beneficiarie del trattamento.
  • la mobilità in deroga per il 2014 per i lavoratori che hanno beneficiato del trattamento CIGS.

L’Istituto, in particolare ricorda che i destinatari della proroga del trattamento di mobilità sono i lavoratori che, prima del licenziamento, hanno beneficiato del trattamento straordinario di integrazione salariale di cui all’art. 4, c. 21, Legge n. 608/96, e i cui nominativi, individuati dal Ministero del Lavoro con specifici decreti, sono riportati nel messaggio n. 33820 dell’11 giugno 1999.

Inoltre, l’Istituto, si sofferma sull’indennità di mobilità, il cui importo dal 1° gennaio 2014 subisce una riduzione del 40%. Per liquidare l’indennità si dovrà utilizzare il codice d’intervento 699. Agli interessati spetta l’assegno al nucleo familiare e l’accredito della contribuzione figurativa.

Si fa presente che il Decreto non è stato ancora pubblicato in Gazzetta Ufficiale, per cui, al momento, non è ancora operativo.

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 365 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Interpello del Ministero del Lavoro : Termine di decadenza per l’impugnazione del licenziamento illegittimo

La Direzione Generale per l’Attività Ispettiva del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con interpello n. 12 del 25 marzo 2014, ha risposto ad un quesito dell’Assotrasporti (Associazione Nazionale Sindacati

Il 730 precompilato è sperimentale ma le sanzioni no

Il 730 precompilato è sperimentale ma le sanzioni no. E se il fisco ammette candidamente che nove su dieci modelli precompilati saranno da integrare, correggere o modificare, per i professionisti

Mancanza dei titoli per svolgere le mansioni e licenziamento [cassazione]

Con sentenza n. 12486 del 17 giugno 2015, la Corte di Cassazione ha affermato la illegittimità del licenziamento per giustificato motivo oggettivo, nei confronti di un lavoratore che temporaneamente non possiede

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.