fbpx

Bonus Giovani Eccellenze: incentivo di assunzione diretto e in somministrazione

Il bonus è rivolto ai datori di lavoro che assumono giovani laureati a tempo determinato e indeterminato. Alla misura possono accedere anche le aziende che utilizzano la somministrazione

Bonus Giovani Eccellenze: incentivo di assunzione diretto e in somministrazione

Platea

Persone in possesso di uno dei seguenti titoli:

  • laurea magistrale, ottenuta nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2018 e il 30 giugno 2019 con la votazione di 110 e lode e con una media ponderata di almeno 108/110, entro la durata legale del corso di studi e prima del compimento dei 30 anni di età (intesi come 29 anni e 365 giorni), in università statali o non statali legalmente riconosciute;
  • dottorato di ricerca, ottenuto nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2018 e il 30 giugno 2019 e prima del compimento dei 35 anni di età (intesi come 34 anni e 365 giorni), in università statali o non statali legalmente riconosciute.

Beneficiari

Datori di lavoro privati, comprese le Agenzie per il Lavoro, che, a decorrere dal 1° gennaio 2019 e fino al 31 dicembre 2019, assumono con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato.

Modalità di assunzione

L’incentivo è riconosciuto per le assunzioni effettuate dal 1° gennaio 2019 e fino al 31 dicembre 2019 con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato.

L’esonero si applica, inoltre, anche nel caso di trasformazione, avvenuta nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 31 dicembre 2019, di un contratto di lavoro a tempo determinato in contratto di lavoro a tempo indeterminato, fermo restando il possesso dei requisiti sopra descritti.

L’esonero è riconosciuto anche per assunzioni a tempo parziale. In tal caso, il limite massimo dell’incentivo è proporzionalmente ridotto.

Nelle ipotesi in cui il lavoratore, per la cui assunzione a tempo indeterminato è stato parzialmente fruito l’esonero, una successiva assunzione a tempo indeterminato, nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 31 dicembre 2019, consentirà ad altro datore di lavoro di beneficiare dell’incentivo residuo.

Benefici contributivi

L’incentivo è riconosciuto sotto forma di esonero dal versamento dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro, con esclusione dei premi e contributi dovuti all’INAIL, per un periodo massimo di dodici mesi decorrenti dalla data di assunzione, nel limite massimo di 8.000 euro per ogni assunzione effettuata.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Somministrazione di lavoro e flessibilità dopo il decreto dignità: parte il Roadshow di Assolavoro

Parte da Napoli, nel pomeriggio, il Roadshow Assolavoro che avrà come focus gli approfondimenti e le analisi di strumenti, servizi e sinergie che è possibile sviluppare tra Aziende e Agenzie

Smart work e lavoro autonomo: la doppia sfida per Agenzie e Centri per l’impiego

Il governo, come come abbiamo anticipato la settimana scorsa, ha dato il via libera al disegno di legge sul lavoro autonomo cosiddetto non imprenditoriale e sul lavoro «agile». Le innovazioni

Somministrazione di lavoro e appalto non genuino: storica sentenza del Consiglio di Stato

È di somministrazione di lavoro e non di appalto il contratto con cui un’azienda committente richiede all’appaltatrice prestazioni il cui valore è quantificato sulla base delle ore di lavoro da

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.