Tribunale di Roma: irregolarità formale e DURC negativo

L’Istituto di Previdenza condannato: il debito era inesistente. L’irregolarità formale non giustifica il Durc negativo

Tribunale di Roma: irregolarità formale e DURC negativo
image_pdfimage_print

Con sentenza n. 1490/2019, il Tribunale di Roma ha affermato che l’INPS non può negare il rilascio del DURC sulla base del fatto che un datore di lavoro non ha corretto nei 15 giorni concessi una incongruenza relativa ad una denuncia contributiva. Il rifiuto va considerato illegittimo in quanto manca il presupposto normativo ed appare viziato da irrazionalità ed irragionevolezza.

Una società cooperativa si era visto negare il DURC per un debito di natura contributiva pari a 3.284 euro. Tale debito era, però, inesistente in quanto avrebbe dovuto essere compensato con un credito (l’importo effettivo era di pochi euro ed era stato saldato, sia pure in ritardo).

Secondo il Tribunale il DURC è negativo solo a fronte di irregolarità sostanziali che riguardino la contribuzione e non può riguardare errori commessi nella presentazione delle denunce contributive: non esiste alcuna norma che impedisca il rilascio del documento difronte ad irregolarità di natura formale ove il datore di lavoro ha commesso, nella presentazione, un errore, modesto, di quanto dovuto. In questo caso non si può parlare di denuncia infedele od omessa. L’art. 3, comma 2, del DM 30 gennaio 2015 va letto in un modo soltanto: L’Istituto può rilevare solo le inadempienze già formalmente accertate e comunicate, senza che il datore abbia tempestivamente attivato i ricorsi amministrativi o giurisdizionali. Il DURC, secondo il Tribunale, non può essere negato neanche a fronte di una inadempienza, se su questa di dibatte a livello amministrativo o giudiziale.

Il sistema normativo va letto come un bilanciamento tra la necessità di un accertamento immediato e la necessità del contribuente di non vedersi negato il documento per violazioni inesistenti e non ancora accertate, atteso che le circolari amministrative non sono fonti di diritto come affermato dalla Cassazione con le sentenze n. 10595/2016 e n. 15482/2018.

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 295 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Assegni familiari ai lavoratori stranieri [Corte Europea di Giustizia]

La Corte Europea di Giustizia, con la sentenza del 21 giugno 2017 (causa C-449/2016) ha affermato che, sulla base del principio di parità di trattamento sancito dalla Direttiva 2011/98, recepita

La sentenza viene superata dall’accordo conciliativo [Cassazione]

Con la sentenza n. 20006 dell’11 agosto 2017, la Corte di Cassazione ha chiarito che con la firma del verbale di conciliazione viene a cessare la materia del contendere, sconfessando,

Licenziamento lavoratrice madre: arriva la sentenza della Cassazione

Con la sentenza 475/16, depositata ieri, la Cassazione si pronuncia sul regime sanzionatorio applicabile prima della Riforma Fornero (legge 92/2012) al licenziamento intimato alla lavoratrice madre durante il periodo tra

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento