Incentivo Reddito di Cittadinanza per le aziende che assumono con contratto di somministrazione

Il bonus è rivolto ai datori di lavoro che assumono i beneficiari del RdC con contratto a tempo indeterminato e in somministrazione

Incentivo Reddito di Cittadinanza per le aziende che assumono con contratto di somministrazione
image_pdfimage_print

Platea

Soggetti beneficiari del Reddito di Cittadinanza (di seguito “RdC”).

Quali sono i requisiti per avere il RdC?

  • Bisogna essere cittadini italiani, europei (o loro familiari titolari di diritto di soggiorno) o lungo soggiornanti e aver risieduto in Italia per almeno 10 anni, di cui gli ultimi 2 in via continuativa;
  • avere un ISEE inferiore a 9.360 euro; un patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superiore a 30mila euro;
  • un patrimonio finanziario non superiore a 10mila euro (ridotto a 8mila per la coppia e 6 mila per i single), incrementato di 5mila euro per ogni componente con disabilità e di mille euro per ogni figlio successivo al secondo.

La scala di equivalenza è pari ad 1 per il primo componente del nucleo familiare ed è incrementata di 0,4 per ogni ulteriore componente di età maggiore di anni 18 e di 0,2 per ogni ulteriore componente minorenne, fino ad un massimo di 2,1.

Infine, i nuclei familiari che hanno fra i loro componenti soggetti disoccupati a seguito di dimissioni volontarie, non posso fare richiesta nei dodici mesi successivi alla data delle dimissioni. Fanno eccezione le dimissioni per giusta causa.

Per una più dettagliata descrizione dei requisiti di accesso al RdC si rimanda all’art. 2 del D.L. n. 4/2019.

Beneficiari

Datori di lavoro che comunicano le disponibilità dei posti vacanti alla Piattaforma digitale dedicata al RdC istituita presso l’ANPAL nell’ambito del Sistema Informativo Unitario delle Politiche Attive (SIUPL) per il coordinamento dei Centri per l’Impiego (di seguito “CpI”).

L’incentivo è riconosciuto anche se l’assunzione avviene attraverso l’intermediazione di un soggetto accreditato ai sensi dell’art. 12 del D. Lgs. n. 150/20151 (ad es. Agenzie per il Lavoro).

Modalità di assunzione

A tempo pieno e indeterminato.

Benefici contributivi

Ferma restando l’aliquota di computo delle prestazioni previdenziali, è riconosciuto l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali e assistenziali a carico del datore di lavoro e del lavoratore, con esclusione dei premi e contributi dovuti all’INAIL, nel limite dell’importo mensile del RdC percepito dal lavoratore all’atto dell’assunzione, per un periodo pari alla differenza tra 18 mensilità e quello già goduto dal beneficiario stesso e, comunque, non superiore a 780 euro mensili e non inferiore a 5 mensilità.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Somministrazione : sempre applicabile l’indennità risarcitoria omnicomprensiva dell’art. 32. [L. Peluso]

Con la recentissima Sentenza n. 14032, del 7 luglio 2015, la Cassazione ha avuto modo di confermare ancora una volta che si applica l’indennità risarcitoria omnicomprensiva, prevista dall’art. 32 della

Call center: strumenti di sostegno al reddito per lavoratori del settore

La Direzione Generale degli ammortizzatori sociali e degli incentivi all’occupazione, del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ha emanato la circolare n. 42 del 30 dicembre 2016, con la quale

Riforma del modello contrattuale: definito l’accordo Confindustria-sigle sindacali

Siglato il testo definitivo della riforma del modello contrattuale. Dopo anni di sforzi, di accordi quasi definiti ma poi naufragati e di spaccature, Confindustria, Cgil, Cisl e Uil hanno finalmente

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento