Congedo padre: proroga e ampliamento per il 2019

Per l’anno 2019 è previsto un congedo obbligatorio di cinque giorni da godere, anche in via non continuativa, entro i cinque mesi di vita o dall'ingresso in famiglia o in Italia del minore

Congedo padre: proroga e ampliamento per il 2019

L’INPS ha emanato il messaggio n. 591 del 13 febbraio 2019, con il quale informa che la durata del congedo obbligatorio è aumentata, per l’anno 2019, a 5 giorni da fruire, anche in via non continuativa, entro i 5 mesi di vita o dall’ingresso in famiglia o in Italia (in caso di adozione/affidamento nazionale o internazionale) del minore.

Sono, pertanto, tenuti a presentare domanda all’Istituto solamente i lavoratori per i quali il pagamento delle indennità è erogato direttamente dall’INPS, mentre, nel caso in cui le indennità siano anticipate dal datore di lavoro, i lavoratori devono comunicare in forma scritta al proprio datore di lavoro la fruizione del congedo di cui trattasi, senza necessità di presentare domanda all’Istituto.

In tale ultimo caso, infatti, il datore di lavoro comunica all’INPS le giornate di congedo fruite, attraverso il flusso Uniemens, secondo le disposizioni fornite con il messaggio n. 6499/2013.

Per il settore agricolo la disciplina in merito è stata dettata con la circolare n. 181/2013, che ha fornito le istruzioni operative per la denuncia sul modello DMAG delle giornate di congedo fruite dal lavoratore il cui importo è stato anticipato dal datore di lavoro.

L’articolo 1, comma 278, lett. c), della citata legge n. 145/2018 ha, infine, prorogato, per l’anno 2019, la possibilità per il padre lavoratore dipendente di fruire di un ulteriore giorno di congedo facoltativo, previo accordo con la madre e in sua sostituzione, in relazione al periodo di astensione obbligatoria spettante a quest’ultima.

Rimane fermo che per le nascite e le adozioni/affidamenti avvenute nell’anno solare 2018, i padri lavoratori dipendenti hanno diritto, a 4 soli giorni di congedo obbligatorio, anche se ricadenti nei primi mesi dell’anno 2019 (cfr. il messaggio n. 894/2018).

Per quanto riguarda le modalità di presentazione della domanda, si può fare riferimento alla circolare n. 40 del 14 marzo 2013.

Fonte: INPS

 

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 314 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

REI: in Italia aiuto per 900 mila poveri, 7 su 10 risiedono al Sud

Presentati i dati dell’Osservatorio statistico sul Reddito d’inclusione ( REI ) da Inps e Ministero del Lavoro. Le persone che hanno beneficiato dello strumento di lotta alla povertà sono circa

Sentenza Consulta, mini-rimborsi, maxi-bluff

I giornali riportano oggi in molteplici articoli la notizia, anticipata fin da ieri da miowelfare , sul documento di analisi dell’Ufficio parlamentare di Bilancio, relativo ai rimborsi decisi dal governo

Del Conte (ANPAL): «Ripresa sostenuta e politiche attive, la ricetta per il lavoro»

«Abbiamo una crescita timida, ma già con occupazione. E questo non era scontato dopo una recessione così pesante. Ora, per un incremento robusto dei posti di lavoro, la sfida si

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento