Incentivo per l’assunzione con tutele crescenti per Under 35 con inserimento diretto o in somministrazione

Il bonus è rivolto ai datori di lavoro che assumono Under 35 con contratto a tempo indeterminato e in somministrazione

Incentivo per l’assunzione con tutele crescenti per Under 35 con inserimento diretto o in somministrazione

Platea

L’incentivo è finalizzato all’assunzione di lavoratori che non hanno compiuto i 35 anni di età (34 anni e 364 giorni), e non sono stati occupati a tempo indeterminato con il medesimo o con altro datore di lavoro. Non ostano al riconoscimento dell’esonero gli eventuali periodi di apprendistato svolti presso un altro datore di lavoro e non proseguiti in rapporto di lavoro a tempo indeterminato.

Beneficiari

Datori di lavoro privati, comprese le Agenzie per il Lavoro, che assumono, negli anni 2019 e 2020, lavoratori con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato a tutele crescenti.

Modalità di assunzione

Contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti.

Benefici contributivi

Al datore di lavoro che assume i lavoratori rientranti nella categoria sopra descritta, è riconosciuto, per un periodo massimo di trentasei mesi, l’esonero dal versamento del 50 per cento dei complessivi contributi previdenziali a carico del datore di lavoro, con esclusione dei premi e contributi INAIL, nel limite massimo di 3.000 euro su base annua, riparametrato e applicato su base mensile.

Le condizioni di accesso all’incentivo e modalità applicative

Le modalità di fruizione dell’esonero saranno stabilite con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, in attesa di emanazione.

Assunzione a scopo di somministrazione

In caso di assunzione a tempo indeterminato a scopo di somministrazione, l’esonero spetta sia in caso di somministrazione a tempo indeterminato che di somministrazione a tempo determinato.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Somministrazione : chi lavora con le Agenzie per il Lavoro è più soddisfatto

L’istantanea che viene fuori dei lavoratori in somministrazione da questa ricerca è piuttosto chiara: complessivamente soddisfatti, poco stressati, non discriminati rispetto ai dipendenti delle aziende in cui lavorano e con

Agenzia per l’Italia Digitale: specifiche tecniche su hardware, software e tecnologie sulle postazioni di lavoro

L’ Agenzia per l’Italia Digitale ha emanato la circolare n. 2 del 23 settembre 2015, recante le “Specifiche tecniche sull’hardware, il software e le tecnologie assistive delle postazioni di lavoro

Somministrazione di lavoro e appalto non genuino: storica sentenza del Consiglio di Stato

È di somministrazione di lavoro e non di appalto il contratto con cui un’azienda committente richiede all’appaltatrice prestazioni il cui valore è quantificato sulla base delle ore di lavoro da

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento