fbpx

Incentivo per chi assume giovani a tempo indeterminato, il bonus anche per la somministrazione

Un incentivo triennale per le aziende che assumono giovani a tempo indeterminato, alla misura possono accedere anche le aziende che utilizzano la somministrazione

Incentivo per chi assume giovani a tempo indeterminato, il bonus anche per la somministrazione

Platea

L’incentivo è finalizzato all’assunzioni delle seguenti categorie di lavoratori:

  • giovani di età inferiore a 30 anni (29 anni e 364 giorni);
  • giovani che non hanno compiuto i 35 anni di età (34 anni e 364 giorni), se l’assunzione è effettuata entro il 31 dicembre.

Analoghi limiti di età devono essere rispettati in caso di trasformazione del contratto a tempo determinato in contratto a tempo indeterminato (v. ultra).

I suddetti lavoratori non devono già essere stati occupati a tempo indeterminato con medesimo o altro datore di lavoro.

Beneficiari

Datori di lavoro privati, imprenditori e non, comprese le Agenzie per il Lavoro, che assumono, a decorrere dal 1°gennaio, lavoratori con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato a tutele crescenti.

Non possono beneficiare dell’incentivo i datori di lavoro pubblici (individuati dall’art. 1, comma 2, del decreto legislativo n. 165/2001).

Il beneficio in oggetto si applica anche agli Enti Pubblici Economici (EPE) e agli organismi pubblici che sono stati interessati da processi di privatizzazione (trasformazione in società di capitali), indipendentemente dalla proprietà pubblica o privata del capitale.

Il beneficio trova applicazione anche nei confronti di soggetti “non imprenditori”.

Modalità di assunzione

Contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti.

Le figure professionali assunte devono avere la qualifica di operaio, impiegato o quadro. Pertanto, è esclusa la qualifica di dirigente.

L’esonero è riconosciuto anche in caso di assunzione a tempo indeterminato a scopo di somministrazione, in caso di assunzione a tempo parziale nonché in caso di rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato instaurato in attuazione del vincolo associativo stretto con una cooperativa di lavoro.

Dalla categoria delle assunzioni a tempo indeterminato, che consentono di accedere all’incentivo, sono esclusi il contratto di lavoro domestico, il contratto di lavoro in apprendistato, il contratto di lavoro intermittente a tempo indeterminato e il lavoro occasionale. L’esonero non è soggetto alla disciplina degli “aiuti di Stato”

  Scopri di più

Fonte:Assolavoro

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Recruiting Day presso il Politecnico di Bari il 19 ottobre 2018

Il 19 ottobre 2018 alle ore 9:00 avrà luogo il Recruiting Day Generazione Vincente presso l’Aula Magna Orabona del Politecnico di Bari, un evento di placement organizzato dall’Ufficio Placement del

Smart working e Coronavirus – Come limitare i contagi lavorando da remoto

Smart working e coronavirus – una soluzione per contrastare l’epidemia Smart working e coronavirus. Il decreto legge n.6  del 23 febbraio 2020 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, introduce misure urgenti in

Congedi e tutele previdenziali per i genitori che lavorano

L’ultima scheda messa a punto e pubblicata dall’Inps nell’ambito dell’operazione “Porte aperte” riguarda un ambito che nel corso degli anni ha visto il rincorrersi di norme e regole, spesso al

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento