Disoccupazione in calo a novembre, si attesta al 10,5%

Gli ultimi dati dell’Istituto di Statistica dicono che a novembre il tasso di disoccupazione si attesta al 10,5%, quello giovanile scende al 31,6%

Disoccupazione in calo a novembre, si attesta al 10,5%
image_pdfimage_print

Nel mese di novembre il tasso di disoccupazione scende di poco attestandosi al 10,5% (-0,1 punti percentuali), per quanto riguarda quello giovanile scende 0,6 punti percentuali fermandosi al 31,6%. Questa l’istantanea dell’Istat che sul fronte occupazione rileva, rispetto a ottobre, un aumento dell’occupazione maschile, mentre cala quella femminile. Inoltre, torna a diminuire, dopo due mesi di crescita, la stima di chi è in cerca di occupazione (-0,9%, pari a -25 mila unità). Il calo si registra in prevalenza tra le donne e le persone da 15 a 34 anni.

Sempre a novembre l’Istat registra un aumento degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (+0,2%, pari a +26 mila unità). L’aumento si concentra tra le donne e le classi di età estreme dei 15-24enni e degli over 50. Il tasso di inattività cresce fino al 34,3% (+0,1 punti percentuali).

Nel trimestre settembre-novembre 2018 l’occupazione censisce una lieve flessione in rapporto al trimestre precedente (-0,1%, pari a -26 mila unità). Il calo riguarda soprattutto le donne e le età centrali tra i 25 e i 49 anni. Nel periodo preso in considerazione crescono i dipendenti a termine (+13 mila) mentre diminuiscono i permanenti (-23 mila) e gli indipendenti (-17 mila). Nei tre mesi, continua l’istituto di statistica, al calo degli occupati si collega quello degli inattivi (-0,2%, pari a -32 mila) mentre cresce il numero dei disoccupati (+1,3%, +35 mila).

A novembre 2018 si conferma stabile al 58,6% il tasso di occupazione con un numero di occupati che “risulta sostanzialmente stabile rispetto a ottobre” mentre su base annua cresce di 99 mila unità (+0,4%). L’Istat spiega che “l’espansione interessa solo gli uomini e i lavoratori a termine (+162 mila): risultano lievemente in crescita gli indipendenti, mentre si registra una flessione dei dipendenti permanenti (-68 mila)”.

A novembre 2018 su base annua la crescita degli occupati (+99 mila) si accompagna al calo dei disoccupati (-4,3%, pari a -124 mila unità) e degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-0,4%, -49 mila). Rispetto a novembre 2017 aumentano esclusivamente gli occupati ultracinquantenni (+275 mila), mentre si registra una flessione tra i 15-49enni (-175 mila). “Al netto della componente demografica si stima comunque un segno positivo per l’occupazione in tutte le classi di età”, conclude l’Istat.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

USA, MENO SUSSIDI DI DISOCCUPAZIONE

Le richieste di sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti, nella settimana che si è chiusa il 3 ottobre, sono calate a 263 mila unità, 13 mila in meno del dato

VW, OCCUPAZIONE A RISCHIO

Oggi a Wolfsburg prevista l’assemblea di fabbrica della Volkswagen, con la partecipazione di circa 20 mila dipendenti. Cresce l’ansia fra i contratti a termine dopo che l’azienda ha deciso di

BANKITALIA: STIME PIL

Nel secondo trimestre del 2016 l’economia italiana crescerà allo stesso ritmo del primo, cioè dello 0,3%. E’ la previsione contenuta nelle “Proiezioni macroeconomiche per l’economia italiana” di Bankitalia. In media

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento