Disoccupazione in calo a novembre, si attesta al 10,5%

Gli ultimi dati dell’Istituto di Statistica dicono che a novembre il tasso di disoccupazione si attesta al 10,5%, quello giovanile scende al 31,6%

Disoccupazione in calo a novembre, si attesta al 10,5%
image_pdfimage_print

Nel mese di novembre il tasso di disoccupazione scende di poco attestandosi al 10,5% (-0,1 punti percentuali), per quanto riguarda quello giovanile scende 0,6 punti percentuali fermandosi al 31,6%. Questa l’istantanea dell’Istat che sul fronte occupazione rileva, rispetto a ottobre, un aumento dell’occupazione maschile, mentre cala quella femminile. Inoltre, torna a diminuire, dopo due mesi di crescita, la stima di chi è in cerca di occupazione (-0,9%, pari a -25 mila unità). Il calo si registra in prevalenza tra le donne e le persone da 15 a 34 anni.

Sempre a novembre l’Istat registra un aumento degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (+0,2%, pari a +26 mila unità). L’aumento si concentra tra le donne e le classi di età estreme dei 15-24enni e degli over 50. Il tasso di inattività cresce fino al 34,3% (+0,1 punti percentuali).

Nel trimestre settembre-novembre 2018 l’occupazione censisce una lieve flessione in rapporto al trimestre precedente (-0,1%, pari a -26 mila unità). Il calo riguarda soprattutto le donne e le età centrali tra i 25 e i 49 anni. Nel periodo preso in considerazione crescono i dipendenti a termine (+13 mila) mentre diminuiscono i permanenti (-23 mila) e gli indipendenti (-17 mila). Nei tre mesi, continua l’istituto di statistica, al calo degli occupati si collega quello degli inattivi (-0,2%, pari a -32 mila) mentre cresce il numero dei disoccupati (+1,3%, +35 mila).

A novembre 2018 si conferma stabile al 58,6% il tasso di occupazione con un numero di occupati che “risulta sostanzialmente stabile rispetto a ottobre” mentre su base annua cresce di 99 mila unità (+0,4%). L’Istat spiega che “l’espansione interessa solo gli uomini e i lavoratori a termine (+162 mila): risultano lievemente in crescita gli indipendenti, mentre si registra una flessione dei dipendenti permanenti (-68 mila)”.

A novembre 2018 su base annua la crescita degli occupati (+99 mila) si accompagna al calo dei disoccupati (-4,3%, pari a -124 mila unità) e degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-0,4%, -49 mila). Rispetto a novembre 2017 aumentano esclusivamente gli occupati ultracinquantenni (+275 mila), mentre si registra una flessione tra i 15-49enni (-175 mila). “Al netto della componente demografica si stima comunque un segno positivo per l’occupazione in tutte le classi di età”, conclude l’Istat.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Commissione Europea: “La ripresa economica in Italia accelera”

“La ripresa economica si sta consolidando. L’evoluzione del Pil risulta più robusta con una crescita che accelera e si può stimare attorno al 0,5 nel terzo trimestre”. A dichiararlo è

HP TAGLIA 30 MILA OCCUPATI

Hewlett-Packard taglierà tra 25 mila e 30 mila posti di lavoro nell’ambito della ristrutturazione. Il taglio dei posti di lavoro rappresenta il 10% dei 300 mila dipendenti del colosso. Queste

BORSA: MILANO CHIUDE IN RIALZO, +1,09%

(ANSA) – MILANO, 12 GEN – La Borsa di Milano chiude in rialzo. L’indice Ftse Mib avanza dell’1,09% e si porta a 19.971 punti.

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento