Legge di Bilancio 2019: congedo obbligatorio madre tutto dopo il parto

Con la Legge di Bilancio 2019, comma 485, le lavoratrici potranno rimanere a lavoro sino al termine della gravidanza salvo attestazione medica

Legge di Bilancio 2019: congedo obbligatorio madre tutto dopo il parto

Le lavoratrici potranno rimanere a lavoro sino al termine della gravidanza, rinviando al periodo successivo al parto l’intero periodo di congedo obbligatorio di maternità (5 mesi) – previsto dall’articolo 16 del decreto legislativo n. 151/2001 – a condizione che il medico specialista del Servizio sanitario nazionale o con esso convenzionato e il medico competente ai fini della prevenzione e tutela della salute nei luoghi di lavoro attestino che tale opzione non arrechi pregiudizio alla salute della gestante e del nascituro.

La disposizione è prevista dai commi 485, della Legge 145/2018 (c.d. Legge di Bilancio 2019).

Il nuovo articolo 16 del decreto legislativo n. 151/2001 con le modifiche della Legge di Bilancio 2019

Articolo 16 – Divieto di adibire al lavoro le donne

  • È vietato adibire al lavoro le donne:
  • durante i due mesi precedenti la data presunta del parto, salvo quanto previsto all’articolo 20;
  • ove il parto avvenga oltre tale data, per il periodo intercorrente tra la data presunta e la data effettiva del parto;
  • durante i tre mesi dopo il parto, salvo quanto previsto all’articolo 20;
  • durante i giorni non goduti prima del parto, qualora il parto avvenga in data anticipata rispetto a quella presunta. Tali giorni si aggiungono al periodo di congedo di maternità dopo il parto, anche qualora la somma dei periodi di cui alle lettere a) e c) superi il limite complessivo di cinque mesi.

1.1. In alternativa a quanto disposto dal comma 1, è riconosciuta alle lavoratrici la facoltà di astenersi dal lavoro esclusivamente dopo l’evento del parto entro i cinque mesi successivi allo stesso, a condizione che il medico specialista del Servizio sanitario nazionale o con esso convenzionato e il medico competente ai fini della prevenzione e tutela della salute nei luoghi di lavoro attestino che tale opzione non arrechi pregiudizio alla salute della gestante e del nascituro.

1-bis. Nel caso di interruzione spontanea o terapeutica della gravidanza successiva al 180° giorno dall’inizio della gestazione, nonché in caso di decesso del bambino alla nascita o durante il congedo di maternità, le lavoratrici hanno facoltà di riprendere in qualunque momento l’attività lavorativa, con un preavviso di dieci giorni al datore di lavoro, a condizione che il medico specialista del Servizio sanitario nazionale o con esso convenzionato e il medico competente ai fini della prevenzione e tutela della salute nei luoghi di lavoro attestino che tale opzione non arrechi pregiudizio alla loro salute.

 

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 502 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

COMUNE DI SCHIO ASSUME

Il Comune di Schio (VI) ha indetto un concorso pubblico, per soli esami, per la copertura di sei posti di istruttore amministrativo-contabile, categoria giuridica C, con rapporto di lavoro a part-time di 18/36

SINDACATI IN PIAZZA PER LEGGE CONTRO CAPORALATO

Fai-Flai-Uila hanno indetto, martedì 19 luglio alle 10 a Piazza del Pantheon a Roma, un presidio al quale parteciperanno oltre 500 delegati provenienti da tutta Italia, per chiedere l’approvazione da

BORSA: MILANO APRE IN RIALZO (+0,71%)

(ANSA) – MILANO, 13 GEN – Apertura in rialzo per Piazza Affari. L’indice Ftse Mib ha avviato le contrattazioni in progresso dello 0,71% a 20.112 punti.

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento