Posso assumere un Under 35, che precedentemente era a tempo indeterminato ma intermittente, usufruendo dello sgravio fiscale?

Posso assumere un Under 35, che precedentemente era a tempo indeterminato ma intermittente, usufruendo dello sgravio fiscale?

Le chiedo gentilmente un consulto in merito a un dipendente per il quale dallo storico risulta precedentemente assunto come lavoratore intermittente senza alcuna precisazione se determinato o indeterminato, tale posizione viene considerata per i lavoratori UNDER 35, per i quali si può beneficiare dello sgravio triennale, non avendo avuto altri rapporti di lavoro a tempo indeterminato?

Un precedente rapporto a tempo indeterminato e intermittente non viene considerato quale esimente per la fruizione dell’incentivo giovani. Ciò risale indirettamente dal fatto che detto rapporto di lavoro per quanto a tempo indeterminato non può essere considerato un rapporto stabile per il lavoratore.

Per approfondire leggi anche: Gli ulteriori incentivi per le assunzioni in vigore dal 2019 [E.Massi]

Di seguito uno stralcio dell’articolo di Eufranio Massi:

[…] il Legislatore non ne parla ma, secondo i principi fissati dalla normativa precedente e dai chiarimenti amministrativi espressi dall’INPS, e ferme restando le determinazioni del “Decreto concertato”, dovrebbero essere esclusi i rapporti di apprendistato (che godono di una “speciale” normativa incentivante), il lavoro intermittente, pur se a tempo indeterminato, ove la prestazione ha natura episodica e dipende dalla chiamata del datore di lavoro, il contratto di lavoro domestico (per la specialità del rapporto) e le prestazioni occasionali ex art. 54-bis della legge n. 96/2017, per le quali di “stabile” e di “tempo indeterminato” non c’è nulla. Per la verità l’esclusione dai benefici del rapporto di lavoro domestico risultava al comma 114, dell’art. 1 (cosa che nell’attuale testo non viene ripetuta e si hanno dubbi che ciò possa essere inserito in un Decreto Ministeriale finalizzato a stabilire le modalità) oltre all’apprendistato (ma qui il discorso appare più semplice alla luce del fatto che tale tipologia già fruisce di una normativa contributiva propria” specifica”) […]

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 534 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Esiste la possibilità di regalare le proprie ferie? Nel caso si potesse, cosa bisogna fare?

Mi hanno appena chiesto se esiste la possibilità di regalare le proprie ferie. Avevo sentito qualcosa a riguardo ma non sono riuscita a trovare nulla. Nel caso si potesse, cosa

Sono incinta al terzo mese di gravidanza. In caso di dimissioni ho diritto alla disoccupazione (NASpI)?

L’accesso alla NASpI, sussistendone gli altri requisiti, è consentito anche nel caso di dimissioni intervenute durante il periodo tutelato di maternità, ossia a partire da 300 giorni prima della data

Il nostro RSSP, responsabile della protezione e prevenzione, mi chiede se ho mai comunicato all’Inail, come datore di lavoro, i nominativi dei RLS. È obbligatoria la comunicazione?

Sì, la comunicazione è obbligatoria (articolo 18, lettera aa, del decreto legislativo 81/2008) e va fatta in modalità telematica, attraverso la Sezione servizionline del portale Inail > Dichiarazione Rls. In

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento