Posso assumere un Under 35, che precedentemente era a tempo indeterminato ma intermittente, usufruendo dello sgravio fiscale?

Posso assumere un Under 35, che precedentemente era a tempo indeterminato ma intermittente, usufruendo dello sgravio fiscale?

Le chiedo gentilmente un consulto in merito a un dipendente per il quale dallo storico risulta precedentemente assunto come lavoratore intermittente senza alcuna precisazione se determinato o indeterminato, tale posizione viene considerata per i lavoratori UNDER 35, per i quali si può beneficiare dello sgravio triennale, non avendo avuto altri rapporti di lavoro a tempo indeterminato?

Un precedente rapporto a tempo indeterminato e intermittente non viene considerato quale esimente per la fruizione dell’incentivo giovani. Ciò risale indirettamente dal fatto che detto rapporto di lavoro per quanto a tempo indeterminato non può essere considerato un rapporto stabile per il lavoratore.

Per approfondire leggi anche: Gli ulteriori incentivi per le assunzioni in vigore dal 2019 [E.Massi]

Di seguito uno stralcio dell’articolo di Eufranio Massi:

[…] il Legislatore non ne parla ma, secondo i principi fissati dalla normativa precedente e dai chiarimenti amministrativi espressi dall’INPS, e ferme restando le determinazioni del “Decreto concertato”, dovrebbero essere esclusi i rapporti di apprendistato (che godono di una “speciale” normativa incentivante), il lavoro intermittente, pur se a tempo indeterminato, ove la prestazione ha natura episodica e dipende dalla chiamata del datore di lavoro, il contratto di lavoro domestico (per la specialità del rapporto) e le prestazioni occasionali ex art. 54-bis della legge n. 96/2017, per le quali di “stabile” e di “tempo indeterminato” non c’è nulla. Per la verità l’esclusione dai benefici del rapporto di lavoro domestico risultava al comma 114, dell’art. 1 (cosa che nell’attuale testo non viene ripetuta e si hanno dubbi che ciò possa essere inserito in un Decreto Ministeriale finalizzato a stabilire le modalità) oltre all’apprendistato (ma qui il discorso appare più semplice alla luce del fatto che tale tipologia già fruisce di una normativa contributiva propria” specifica”) […]

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 502 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Quali sono gli effetti della malattia sul rapporto di lavoro?

Il lavoratore è assente giustificato e ciò, di conseguenza, comporta l’impossibilità del licenziamento durante l’evento morboso nei limiti del periodo di conservazione del posto, determinato dalla contrattazione collettiva. Fa eccezione

Un nostro impiegato andrà a fare consulenza in merito al miglioramento dei processi produttivi presso un azienda in USA. È il caso di fare la richiesta all’Inps del modello A1?

Il modello A1 è previsto solo per i Paesi Europei. Per quanto riguarda gli Stati Uniti, deve essere richiesto un visto di ingresso per lavoro attraverso l’ambasciata americana in Italia.

Dal 1 settembre verrà una ragazza, che ha lavorato fino ad oggi presso uno studio legale, ad occuparsi delle nostre pratiche legali e recupero crediti.

dal 1 settembre verrà una ragazza, che ha lavorato fino ad oggi presso uno studio legale, ad occuparsi delle nostre pratiche legali e recupero crediti. Ha la partita iva e

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento