Cambierà qualcosa con la Naspi ?

La Nuova Aspi ( Naspi )è prevista da un decreto applicativo del c.d. Jobs Act (Legge n. 183/2014), di prossima pubblicazione in gazzetta ufficiale. Dovrebbe essere operativo dal mese di maggio 2015 con le seguenti caratteristiche:
È l’assegno mensile di disoccupazione che sostituirà l’ASpI e che sarà condizionato alla partecipazione dei percettori a programmi di attivazione lavorativa o riqualificazione professionale proposta dai Servizi competenti.

Si potrà accedere alla Nuova Aspi soltanto se in possesso, congiuntamente, di:

  • almeno 13 settimane di contribuzione negli ultimi 4 anni;
  • 30 giornate di lavoro effettivo nei 12 mesi che precedono l’inizio della disoccupazione.

La durata massima, collegata alle settimane di contribuzione, sarà massimo di 2 anni.

 

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 520 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Vorrei assumere nel 2018 un lavoratore francese che lavora in Messico, a quale tipo di agevolazione posso accedere?

Per il caso prospettato si può applicare l’ agevolazione prevista dall’articolo 16, comma 1, D.lgs. n. 147 del 2015. Detta norma prevede la possibilità di una esenzione del 50% del

Se erogo l’indennità di trasferta oltre i limiti previsti dalla legge, la quota esente rimane tale?

  Se erogo l’ indennità di trasferta oltre i limiti previsti dalla legge, la quota esente rimane ed il resto viene considerato retribuzione e come tale tassato e contribuito? Oppure

E’ ammesso il rimborso delle quote di TFR maturate durante la CIGS da lavoratori sospesi ininterrottamente e licenziati nel corso o al termine del periodo integrato?

La risposta è positiva alla luce della previsione contenuta nell’art. 2, comma 2, della legge n. 464/1972. Le quote di TFR rimborsabili sono quelle precedenti la cessazione del rapporto di

1 Commento

  1. aziz
    Febbraio 03, 17:54 Reply

    Buongiorno sig Roberto li chiedo semplice informazione ho finito la mobilita normale per un anno in 01/10/2014 dopo ho chiesto la mobilita in deroga in 06/11/2014 ma fino ora no ho ricevuto nulla!!! Ho diritto di chiedere naspi o asdi ho due bambini minoreni un isee da 2200€ aspetto la sua risposta a breve grazie

Lascia un commento