Ho letto su un giornale che per il 2019 mio marito potrà avere 5 giorni di congedo per la nascita di nostra figlia, mi può spiegare?

Ho letto su un giornale che per il 2019 mio marito potrà avere 5 giorni di congedo per la nascita di nostra figlia, mi può spiegare?
image_pdfimage_print

Il padre lavoratore dipendente, per l’anno 2019, ha diritto a 5 giorni di congedo obbligatorio da fruire entro i 5 mesi dalla nascita del figlio o dall’ingresso in famiglia o in Italia del minore (in caso di adozione e affidamento nazionale o internazionale), e di un giorno di congedo facoltativo in sostituzione al periodo di astensione obbligatoria spettante alla madre. I giorni possono essere goduti anche in via non continuativa.

Tali diritti non possono essere sottoposti a valutazioni discrezionali da parte del datore di lavoro.

 

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 466 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Posso trasformare un contratto di collaborazione a progetto in contratto autonomo a partita IVA?

E’ possibile  trasformare un contratto di collaborazione a progetto in contratto autonomo a partita IVA. Tenga presente che alla forma deve seguire la sostanza. In pratica, il rapporto di lavoro

Per avvalermi di un lavoratore autonomo occasionale, ai sensi dell’art. 2222 cc. Devo stipulare un contratto di lavoro?

Per quanto la normativa non preveda l’obbligo della stipula di un contratto scritto tra le parti, è consigliabile formalizzare (ad probationem) il rapporto di lavoro con un “contratto di prestazione

Nel caso un’azienda (in Emilia Romagna) avesse effettuato “licenziamenti per superamento periodo di comporto” può attivare tirocini?

L’articolo 26-bis della Legge Regionale Emilia Romagna n. 17/2005 prevede, perché si possano utilizzare tirocinanti, che l’azienda (soggetto ospitante) non abbia effettuato licenziamenti, salvi quelli per giusta causa e per

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento