fbpx

Verso il rinvio la presentazione del Bilancio di esercizio in XBRL

bilancio2013Bilanci di esercizio in Xbrl ( eXtensible business reporting language) verso la proroga. La scadenza del 3 marzo 2015, data entro la quale dovranno essere depositati presso il registro delle imprese i bilanci di esercizio chiusi a partire dal 31 dicembre 2014, potrebbe slittare in avanti di 30 giorni.
L’idea, infatti, è quella di configurare la scadenza di marzo non come la data entro cui dovrà essere effettuato il deposito, ma bensì come la data entro la quale l’assemblea della società deve aver approvato il bilancio. Così facendo, all’onore del deposito sarebbe possibile adempiere entro i 30 giorni successivi.
Questa la proposta avanzata dal Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili nel corso di un convegno che si è svolto a Roma avente ad oggetto le novità legate al deposito della nota integrativa di bilancio in formato Xbrl, ovvero la nuova tassonomia integrata per i bilancio di esercizio. Proposta che, per stessa ammissione di Roberto Cunsolo, consigliere e tesoriere del Consiglio nazionale, sarà affrontata in queste ore nel corso dell’osservatorio di Unioncamere.

Fonte: Italia Oggi

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1401 posts

Area comunicazione | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Inabilità permanente e licenziamento [Cassazione]

Con sentenza n. 8419/2018, la Cassazione ha affermato che in caso di Inabilità permanente il datore di lavoro deve verificare se nella propria organizzazione esistono posizioni di lavoro confacenti, anche

Pubblicata la legge contro la corruzione nel settore privato

Il Consiglio dei Ministri ha pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 75 del 30 marzo 2017, il Decreto Legislativo n. 38 del 17 marzo 2017, con disposizioni riguardanti la lotta contro

Consulta: illegittimo il criterio di determinazione dell’indennità di licenziamento

La Corte costituzionale ha dichiarato illegittimo l’articolo 3, comma 1, del Decreto legislativo n. 23/2015 sul contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, nella parte – non modificata

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.