INPS: innalzamento dei requisiti anagrafici per il diritto all’assegno sociale e la qualifica di “ultrasessantacinquenne”

image_pdfimage_print

L’INPS ha emanato il messaggio n. 4570 del 6 dicembre 2018, con il quale informa che a partire dal 1° gennaio 2019, i requisiti anagrafici minimi previsti per il conseguimento dell’assegno sociale, di cui all’articolo 3, commi 6 e 7, della legge 8 agosto 1995, n. 335, dell’assegno sociale sostitutivo della pensione d’inabilità civile e dell’assegno mensile di assistenza agli invalidi parziali, di cui all’articolo 19 della legge 30 marzo 1971, n. 118, nonché dell’assegno sociale sostitutivo della pensione non reversibile ai sordi, di cui all’articolo 10 della legge 26 maggio 1970, n. 381, sono innalzati di 5 mesi e, pertanto, l’età richiesta per poter accedere alle prestazioni in oggetto sarà pari a 67 anni rispetto ai 66 anni e 7 mesi previsti per il 2018.

Per effetto del suddetto innalzamento del requisito anagrafico, a decorrere dal 1° gennaio 2019, la pensione d’inabilità civile e l’assegno mensile di assistenza agli invalidi parziali di cui agli articoli 12 e 13 della legge 30 marzo 1971, n. 118, nonché la pensione non reversibile ai sordi di cui alla legge 26 maggio 1970, n. 381, saranno concesse, a seguito del riconoscimento del requisito sanitario e sussistendo le altre condizioni socio-economiche previste, ai soggetti d’età non inferiore al diciottesimo anno e fino al compimento del sessantasettesimo.

Analogamente a quanto precisato nei messaggi n. 16587/2012 e n. 4920/2017, si sottolinea che coloro i quali compiono l’età prevista dalla normativa attualmente vigente (66 anni e 7 mesi) entro il 31 dicembre 2018, a prescindere dalla data di presentazione dell’istanza di assegno sociale, sono da considerare “ultrassessantacinquenni”.

Ne consegue che tali soggetti:

a) qualora presentino la domanda di assegno sociale successivamente al 1° gennaio 2019, saranno ritenuti titolari del requisito anagrafico pur non avendo ancora compiuto i 67 anni previsti a partire dal 2019;

b) qualora richiedano il riconoscimento dell’invalidità civile nel corso del 2019 prima di avere compiuto 67 anni, in caso di accoglimento della domanda conseguiranno comunque la condizione di invalidi “ultrasessantacinquenni”, per cui sarà preclusa la possibilità di richiedere la pensione di inabilità o l’assegno mensile di assistenza di cui agli articoli 12 e 13 della legge 30 marzo 1971, n. 118, nonché la pensione ai sordi di cui all’articolo 1 della legge 26 maggio 1970, n. 381.

Fonte: INPS

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 269 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Inps, effetti dei controlli sulla contribuzione previdenziale

L’Inps, con la circolare n. 140/2016, fornisce chiarimenti circa il calcolo dei contributi previdenziali dovuti in relazione a casi di maggior reddito, eventualmente accertato dall’Agenzia delle Entrate, nei confronti di

Decreto Dignità: audizione Assolavoro Commissioni congiunte della Camera

In relazione all’avvio dell’esame del c.d. Decreto Dignità in sede referente presso le Commissioni congiunte VI e XI della Camera, questa sera alle 21:30 Assolavoro sarà tra le poche associazioni

Nuove modalità di comunicazione del codice IBAN per il pagamento delle prestazioni a sostegno del reddito [INPS]

L’Inps, con il messaggio n. 1652 del 14 aprile 2016, fornisce le istruzioni operative, a far data dal 14 aprile 2016, in merito alle nuove modalità per la comunicazione del codice

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento