Si possono attivare tutti i tipi di tirocini a seguito di licenziamenti, o ci sono delle differenze?

Si possono attivare tutti i tipi di tirocini a seguito di licenziamenti, o ci sono delle differenze?
image_pdfimage_print

Mi conferma che il divieto, presente nella normativa regionale, di attivare tirocini a seguito di licenziamenti per giustificato motivo oggettivo si riferisce solo a quelli formativi (non curriculari) e non a quelli curriculari cioè con studenti regolarmente iscritti ad un ciclo di studi di istruzione? Ho letto di recente un articolo che considerava il licenziamento, ai fini del divieto di attivazione, anche il mancato superamento del periodo di prova, me lo conferma?

Di seguito la risposta di Roberto Camera:

Le confermo che il divieto riguarda solo i tirocini c.d. “extracurriculari” e cioè quelli svolti al di fuori di un piano di studi scolastico/universitario. Ciò in quanto la norma regionale in materia di tirocini evidenzia la competenza ai soli tirocini “non curriculari”.

Per quanto riguarda l’articolo, non sono d’accordo, in quanto durante il periodo di prova viene data la possibilità alle parti di recedere dal rapporto di lavoro e non di licenziare o dimettersi. Si parla, in definitiva, di recesso ad nutum (libera recedibilità) che le parti hanno durante tale periodo (contrattualmente previsto) e non di licenziamento per giustificato motivo oggettivo.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Se dopo un contratto a termine acausale iniziato il 01 11 2014, e prorogato 5 volte fino al 30 09 2015. Dal 21 10 2015 posso fare un altro contratto a termine acausale? E se si è prorogabile?

Il rapporto a tempo determinato non necessita più di motivazione, per cui nasce di default acausale. Avendo raggiunto le 5 proroghe nel contratto dal 1° novembre 2014 al 30 settembre

Cosa si intende per pausa durante l’orario di lavoro?

L’art. 8 del D.L.vo n. 66/2003 e la circolare del Ministero del Lavoro n. 8/2005 spiegano chiaramente che allorquando l’orario giornaliero supera le 6 ore, il lavoratore ha diritto ad

Una ditta con un appalto con noi non ha pagato 2 mesi di lavoro ad un lavoratore, il dipendente vuole rivalersi su di noi per il TFR e il restante dovuto. Può farlo e in che misura?

L’articolo 29 del decreto legislativo 276/2003 stabilisce che in caso di appalto di opere o di servizi, il committente è obbligato in solido con l’appaltatore (datore di lavoro), entro il

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento