Quali sono le attività stagionali esonerate dalla durata massima nei contratti a tempo determinato?

Quali sono le attività stagionali esonerate dalla durata massima nei contratti a tempo determinato?
image_pdfimage_print

Quando la normativa sul contratto a tempo determinato (articoli dal 19 al 29 del D.L.vo 81/2015) parla di attività stagionali, fa riferimento alle attività previste dal decreto del Presidente della Repubblica 7 ottobre 1963, n. 1525 ed alle ipotesi individuate dai contratti collettivi.

L’articolo 51, sempre del D.L.vo 81/2015 stabilisce che “per contratti collettivi si intendono i contratti collettivi nazionali, territoriali o aziendali stipulati da associazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale e i contratti collettivi aziendali stipulati dalle loro rappresentanze sindacali aziendali ovvero dalla rappresentanza sindacale unitaria”.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 491 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Ho un contratto aziendale, posso applicare la detassazione ai premi di risultato?

Non è così pacifica la risposta. Innanzitutto è necessario che l’accordo aziendale sia conforme ai parametri previsti dal Decreto Interministeriale del 25 marzo 2016​. Deve inoltre, qualora abbia verificato i requisiti,

Il padre lavoratore dipendente ha diritto ai riposi giornalieri (ex allattamento) anche nel caso in cui la madre è casalinga, indipendentemente da situazioni di comprovata oggettiva impossibilità ?

Con sentenza n. 4293 del 9 settembre 2008, il Consiglio di Stato, Sez. VI, ha dedotto che, anche ai fini del riconoscimento del diritto del padre ai riposi giornalieri per

Si possono attivare tutti i tipi di tirocini a seguito di licenziamenti, o ci sono delle differenze?

Mi conferma che il divieto, presente nella normativa regionale, di attivare tirocini a seguito di licenziamenti per giustificato motivo oggettivo si riferisce solo a quelli formativi (non curriculari) e non

1 Commento

  1. Alessandro.Fioralisi
    novembre 02, 14:38 Reply

    Buongiorno Dott. Camera, abbiamo un dubbio riguardante il CCNL Commercio e Terziario; in particolare, l’art. 66bis prevede la possibilità di assumere lavoratori stagionali per le aziende che operano in località turistiche.
    Considerato che il suddetto contratto è scaduto in data 31/07/2018, le aziende che operano nel settore possono continuare ad assumere lavoratori stagionali ai sensi dell’art. 66bis legittimamente anche dopo la scadenza del CCNL?
    La ringrazio per l’eventuale disponibilità.
    cordiali saluti

Lascia un commento