INPS: Reddito di Inclusione REI – i dati gennaio-settembre 2018

image_pdfimage_print

L’INPS informa che è stato pubblicato l’Osservatorio sul Reddito di Inclusione ( REI ) con i dati del periodo gennaio – settembre 2018, intervallo in cui sono stati erogati benefici economici a 379mila nuclei familiari raggiungendo più di 1 milione di persone.Dal 1° gennaio 2018 il REI ha sostituito un’altra misura di contrasto alla povertà, il SIA (Sostegno per l’Inclusione Attiva).

La maggior parte dei benefici vengono erogati nelle regioni del sud (69%) con interessamento del 72% delle persone coinvolte. Il 47% dei nuclei beneficiari di REI, che rappresentano oltre il 51% delle persone coinvolte, risiedono in sole due regioni: Campania e Sicilia; a seguire Calabria, Lazio, Lombardia e Puglia coprono un ulteriore 28% dei nuclei e il 27% delle persone coinvolte.

Il tasso di inclusione del REI, ovvero il numero di persone coinvolte ogni 10.000 abitanti, risulta nel periodo considerato a livello nazionale pari a 184; raggiunge i valori più alti nelle regioni Sicilia, Campania e Calabria (rispettivamente pari a 540, 517, 389) ed i valori minimi in Friuli Venezia Giulia e in Trentino Alto Adige (pari in entrambi i casi a 23).

L’importo medio mensile erogato nel periodo gennaio-settembre 2018, pari a 305 euro, risulta variabile a livello territoriale, con un intervallo tra i 239 euro della Valle d’Aosta ai 336 euro per la Campania.

 

Fonte: INPS

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 295 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Rifiuto di svolgere mansioni non corrispondenti alla qualifica [Cassazione]

Con sentenza n. 24118 del 3 ottobre 2018, la Corte di Cassazione ha affermato che un lavoratore non può, a priori, rifiutare l’adempimento di una prestazione non corrispondente alle mansioni relative alal qualifica

No al recesso se il dipendente è riammesso dopo il comporto [cassazione]

Il datore di lavoro non può licenziare il lavoratore riammesso in azienda dopo il periodo di comporto. L’autorizzazione alla ripresa dell’attività lavorativa configura, infatti, una manifestazione implicita della volontà di

Semplificazioni in materia di DURC | INPS circolare n°17/2017

L’Inps, con la circolare n. 17 del 31 gennaio 2017, illustra i contenuti delle modifiche effettuate dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con il Decreto del 23 febbraio 2016, sulla

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento