In azienda ho alcuni dipendenti musulmani che vogliono pregare durante la pausa caffè, come posso disciplinare la cosa?

In azienda ho alcuni dipendenti musulmani che vogliono pregare durante la pausa caffè, come posso disciplinare la cosa?

Abbiamo alcuni dipendenti musulmani che vogliono pregare durante la pausa caffè. Qualcuno lo fa a bordo macchina, altri negli spogliatoi, locali ai quali però vorremmo inibire totalmente l’accesso al di fuori dell’orario di lavoro. Vorremmo capire come disciplinare la cosa. Noi potremmo chiedere che si preghi solo fuori dall’orario di lavoro (prima o dopo l’inizio del turno ed in pausa pranzo) o rischiamo di essere denunciati per discriminazione?

Il tema è molto delicato e può dare adito ad essere strumentalizzato.

Legislativamente non è previsto alcun obbligo dell’azienda nel fissare pause per la preghiera, questo riguarda tutte le religioni, non soltanto quella musulmana.

Anche la contrattazione collettiva nazionale non ha disciplinato nulla in merito, per cui le uniche pause sono quelle previste per l’ordinario riposo dall’attività lavorativa. In queste pause, il lavoratore può, eventualmente, svolgere il proprio momento di preghiera.

Alcune aziende hanno previsto particolari pause all’interno del contratto aziendale (o del regolamento), dando evidenza di particolari esigenze, anche di natura religiosa.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 496 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

In caso di licenziamento per soppressione del posto di lavoro di un ragazzo ex apprendista assunto il 1° marzo 2014, devo obbligatoriamente espletare il tentativo di conciliazione previsto dalla Fornero?

L’obbligatorietà del tentativo di conciliazione, preventivo al licenziamento, è richiesto esclusivamente qualora l’azienda sia in tutela reale (sopra i 15 dipendenti) e qualora il lavoratore sia stato qualificato prima del

La mia azienda ha stipulato con una scuola superiore una convenzione per un tirocinio. Si parla di D.Lgs 77/2005 e di Legge 107/2015. Va comunicato al Centro per l’Impiego?

Dalle informazioni fornite, la convenzione si ispira alla normativa sull’alternanza scuola-lavoro e le attività previste dovrebbero rientrare nel piano di studi della scuola. In considerazione di ciò, ritengo che si

Nel caso di un lavoratore che utilizza i voucher sia con la disciplina vecchia che con quella nuova, pur avendo limiti economici diversi potrebbero essere cumulabili?

Ritengo di no in quanto trattasi di 2 norme diverse e la nuova norma (L. 96/2017) non richiama la precedente (DLvo 81/2015) quando parla di massimali.

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento