È possibile recedere da un rapporto di lavoro consensualmente e allo stesso tempo ricevere la NASpI?

È possibile recedere da un rapporto di lavoro consensualmente e allo stesso tempo ricevere la NASpI?
image_pdfimage_print

Vorrei procedere, con accordo con il lavoratore, ad una risoluzione consensuale ma, al tempo stesso, il lavoratore vorrebbe ricevere la NASPI. So che la cosa è possibile se l’accordo avviene in sede protetta. È così? Posso rivolgermi alla mia associazione per firmare l’accordo conciliativo di risoluzione del rapporto di lavoro?

La procedura è leggermente diversa rispetto a quanto prospettato ed è disciplinata dall’art. 7, della legge 604/66, come modificato dall’art. 1, comma 40, della Legge 92/2012. La possibilità di recedere da un rapporto di lavoro con una risoluzione consensuale e, al tempo stesso, fare in modo che il lavoratore possa ricevere l’indennità di disoccupazione (NASpI), prevede quanto segue:

  • l’intenzione dell’azienda di procedere ad un licenziamento per giustificato motivo oggettivo, con l’indicazione specifica di tali motivi e le eventuali misure di assistenza alla  ricollocazione  del  lavoratore interessato, da inviare al lavoratore
  • la richiesta alla Commissione di conciliazione, presso l’Ispettorato del lavoro competente per territorio, di attivare il tentativo di conciliazione, ai sensi all’articolo 410, del codice di procedura civile,
  • la definizione dell’accordo conciliavo, di cui al punto 2, con una risoluzione consensuale.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 443 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Può un lavoratore rifiutarsi di trasformare il proprio rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale o viceversa?

Il rifiuto del lavoratore alla trasformazione del rapporto non costituisce giustificato motivo di licenziamento.

Ci sono limitazioni per il distacco di un apprendista?  Nel caso sia possibile la 'motivazione' deve avere caratteristiche particolari?

Le risposte ai 2 quesiti: L’apprendista, di massima, può essere distaccato presso altra azienda a queste condizioni, che si possono verificare in alternativa: Sia un periodo limitato di tempo (uno/due

Per l’accesso alle prestazioni occasionali, il computo dei 5 dipendenti a Tempo indeterminato è considerato per singole sedi o per tutte quelle facenti capo ad unica impresa?

La normativa (art. 54-bis, comma 14, della Legge 96/2017), parla di divieto all’utilizzo delle Prestazioni Occasionali “da parte degli utilizzatori che hanno alle proprie dipendenze più di cinque lavoratori subordinati

2 Commenti

  1. GeminiOne
    ottobre 08, 15:24 Reply

    Se il licenziamento viene intimato per carenza di lavoro, dopo la conciliazione sarà necessario comunque attendere 6 mesi prima di poter assumere con la stessa mansione/qualifica?

    • Roberto
      ottobre 10, 11:25 Reply

      No, ma vige il diritto di precedenza per coloro i quali sono stati licenziati da un’azienda per riduzione di personale. Il diritto riguarda le assunzioni fatte nei 6 mesi successivi il licenziamento (art. 15, comma 6, L. n. 264/1949)

Lascia un commento