[Ebook] E.Massi: cosa è cambiato nei rapporti di lavoro con la legge di conversione del Decreto Dignità

[Ebook] E.Massi: cosa è cambiato nei rapporti di lavoro con la legge di conversione del Decreto Dignità
image_pdfimage_print

Il D.L. 12 luglio 2018, n. 87, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 161 del 13 luglio 2018, è intervenuto, in maniera significativa, sulla disciplina dei contratti a tempo determinato, sulla somministrazione e sull’indennità risarcitoria in materia di licenziamenti illegittimi.

Su quest’ultima, tuttavia, sta per calare la “scure” della Corte Costituzionale che, con un comunicato emanato il 26 settembre 2018, ha preannunciato che, con una sentenza che sarà depositata nel giro di poche settimane, è stata dichiarata la illegittimità dell’art. 3, comma 1, del D.L.vo n. 23/2015, in quanto l’unico criterio risarcitorio legato all’anzianità aziendale del lavoratore è contrario “ai principi di ragionevolezza ed uguaglianza e contrasta, anche, con il diritto e la tutela del lavoro sanciti dagli articoli 4 e 35 della Carta fondamentale”.

La legge di conversione, 9 agosto 2018, n. 96, in vigore dal 12 agosto, ha introdotto significative modificazioni sia agli articoli 19, 21, 28 e 34 del D.L.vo n. 81/2015  che all’art. 3 del D.L.vo n. 23/2015 , che ad una serie di altri istituti: mi riferisco all’offerta conciliativa ex art. 6 del D.L.vo n. 23/2015, alle modifiche relative alle prestazioni occasionali ex art. 54-bis della legge n. 96/2017 , limitatamente al settore agricolo, a quello del turismo e agli Enti locali, all’ allungamento fino al 2020 dei benefici, già previsti dai commi 100 e seguenti dell’art. 1 della legge n. 205/2017 per le assunzioni a tempo indeterminato dei giovani “under 35” che non hanno mai avuto un rapporto di lavoro a tempo indeterminato, ad alcune misure che concernono l’implementazione degli organici presso i centri per l’impiego ed alla eliminazione di qualsiasi limite massimo nella durata dei contratti a tempo determinato della scuola statale, ottenuta attraverso l’eliminazione del comma 131 dell’art. 1 della legge n. 107/2015 , operata dall’art. 4-bis.

Tra le modifiche introdotte dalla legge di conversione n. 96 ho fatto cenno anche all’innalzamento della indennità risarcitoria correlata all’offerta conciliativa facoltativa nei licenziamenti ex art. 6, comma 1, del D.L.vo n. 23/2015: appare chiaro (ma ne parlerò a tempo debito) che la stessa, a fronte del nuovo criterio di determinazione dell’indennità risarcitoria ex art. 3, comma 1, perderà, nella sostanza, molto “appeal”, non risultando, assolutamente, conveniente, per il lavoratore.

L’esame che segue, tratterà i vari argomenti seguendo, l’articolato della legge di conversione n. 96.

Scopri tutte le novità scaricando l’ebook gratuito del nostro editorialista, il Dott. Eufranio Massi, dal titolo: Decreto Dignità: cosa è cambiato nei rapporti di lavoro 

  Scarica E-Book

Indice degli argomenti trattati:

1) CONTRATTI A TEMPO DETERMINATO
1.1 Le novità del nuovo articolo 19 del Decreto Legislativo n. 81/2015
1.2 L’introduzione delle ragioni giustificartici ed il limite massimo dei 24 mesi
1.3 I contenuti dell’Art. 21 in ordine alle proroghe ed ai rinnovi
1.4 Termine per l’impugnazione e nuova disciplina transitoria
1.5 Periodo transitorio
1.6 Contratti stipulati entro il 13 luglio 2018
1.7 Contratti stipulati tra il 14 luglio e l’11 agosto 2018
1.8 Contratti rinnovati o prorogati tra il 12 agosto ed il 31 ottobre 2018
1.9 Contratti stipulati a partire dal 1° novembre 2018
1.10 I contratti a termine nelle Pubbliche Amministrazioni e nella scuola statale

2) ESONERO PER FAVORIRE L’OCCUPAZIONE GIOVANILE

3) MODIFICHE ALLA DISCIPLINA DELLA SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO

4) DISPOSIZIONI PER FAVORIRE IL LAVORATORE NELL’AMBITO DELLE PRESTAZIONI OCCASIONALI

5) INDENNITÀ PER IL LICENZIAMENTO ILLEGITTIMO E PER L’OFFERTA CONCILIATIVA
5.1 Indennità per il licenziamento ingiustificato
5.2 L’indennità per l’offerta facoltativa di conciliazione

6) ASSUNZIONI PRESSO I CENTRI PER L’IMPIEGO

Sull' autore

Eufranio Massi
Eufranio Massi 230 posts

E' stato per 40 anni dipendente del Ministero del Lavoro. Ha diretto, in qualità di Dirigente, le strutture di Parma, Latina, i Servizi Ispettivi centrali, Modena, Verona, Padova e Piacenza. Collabora, da sempre, con riviste specializzate e siti web sul tema lavoro tra cui Generazione vincente blog.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Sottoscritto l’Accordo di gestione del Fondo di solidarietà [Forma.temp]

  La delegazione sindacale di Assolavoro ha sottoscritto con le Organizzazioni Sindacali di categoria l’Accordo di gestione del Fondo di solidarietà bilaterale per la somministrazione di lavoro, definendo i principi

Generazione Vincente sostiene Maltawhynot, un lavoro all’estero per giovani con disabilità

  “L’acqua tiepida come madre accoglie – Trasparenze impensabili confondono lo sguardo – Galleggiano nell’aria le barche incredule a creare un’ombra surreale al fondo…” Con queste parole inizia una poesia

Somministrazione transnazionale di lavoro: sanzioni per chi non rispetta le norme [Min. Lavoro]

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, è dovuto intervenire, con circolare n. 14 del 09/04/2015, in merito alle iniziative di agenzie di somministrazione di altri Stati membri dell’Unione

Lascia un commento