Assolavoro: protocollo di intesa con INL per la tutela del lavoro e dell’intermediazione regolare

Lo scopo è quello di tutelare e promuovere forme regolari di lavoro in tutti i settori produttivi e di contrastare ogni fenomeno di elusione e disapplicazione delle norme di legge

Assolavoro: protocollo di intesa con INL per la tutela del lavoro e dell’intermediazione regolare
image_pdfimage_print

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL)  ha sottoscritto, il 3 agosto 2018, con Assolavoro, l’Associazione Nazionale delle Agenzie per il Lavoro, un Protocollo di Intesa con il quale viene costituito un “Osservatorio per la tutela del lavoro e dell’intermediazione regolare“.

L’obiettivo del Protocollo è quello di avviare ogni azione diretta a tutelare e promuovere forme regolari di lavoro in tutti i settori produttivi e di contrastare ogni fenomeno di elusione e disapplicazione delle norme di legge, nonché azioni tese a contrastare fenomeni di intermediazione illecita di manodopera, del caporalato e della fraudolenta applicazione della disciplina relativa all’istituto del distacco transnazionale.

Più specificamente l’Ispettorato Nazionale del Lavoro e Assolavoro collaboreranno “allo scopo di tutelare e promuovere forme regolari di lavoro in tutti i settori produttivi e di contrastare ogni fenomeno di elusione/disapplicazione delle norme di legge in tutti i settori”.

L’Osservatorio appena creato avrà il compito di:

  • raccogliere e monitorare i dati e le informazioni sul lavoro sommerso, le intermediazioni illecite di manodopera, i fenomeni di caporalato, la fraudolenta applicazione della disciplina del distacco transnazionale, l’inosservanza del principio della parità di trattamento salariale;
  • elaborare metodologie condivise per verificare e analizzare le informazioni acquisite sul mercato del lavoro irregolare

Tutte le attività dell’Osservatorio saranno coordinate da una “Cabina di Regia” condivisa e unitaria che perseguirà le finalità di:

  • promuovere iniziative, seminari e convegni per affrontare le problematiche connesse al lavoro irregolare e condividere proposte risolutive per la tutela della legalità nel mondo del lavoro;
  • redigere relazioni periodiche volte a condividere i dati e le informazioni raccolte al fine di prevenire e reprimere ogni forma di lavoro irregolare per incoraggiare lo sviluppo di una cultura della legalità;
  • promuovere azioni volte a sensibilizzare gli stakeholders sulle criticità emerse dalle 6 attività derivanti dal presente Protocollo.

Per una cooperazione efficace le due parti si impegneranno a:

  • collaborare, negli ambiti di rispettiva competenza, alla condivisione delle informazioni sull’andamento del mercato del lavoro per effettuare interventi mirati all’emersione delle condizioni di lavoro irregolare;
  • sostenere e promuovere iniziative per individuare piani di attività, anche con riguardo a specifici settori, analizzandone periodicamente l’andamento;
  • instaurare rapporti di condivisione e reciproco scambio di informazioni con le Istituzioni e le Forze dell’ordine per promuovere ogni utile forma di contrasto alle forme di lavoro irregolare;
  • individuare i settori e i soggetti potenzialmente coinvolti in situazioni che violano i principi di legalità, correttezza e trasparenza della disciplina del mercato del lavoro.
  • riunirsi periodicamente per raccordare le rispettive attività di contrasto alle forme di lavoro irregolare;

In particolare, Assolavoro si impegna a:

  • acquisire dalle Agenzie ogni informazione utile a mappare le situazioni di rischio, predisponendo relazioni da trasmettere all’INL per la programmazione delle connesse attività ispettive;
  • organizzare incontri con le Agenzie per pianificare attività utili al raggiungimento delle 7 finalità del presente Protocollo e all’implementazione dell’efficacia dell’attività ispettiva;
  • a collaborare per il perseguimento dei fini del Protocollo.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Dl Poletti : le modifiche del Parlamento agevolano il lavoro tramite agenzia

Somministrazione a tempo senza limiti per l`impresa. II limite massimo di durata di 36 mesi non si applica al contratto di somministrazione a termine per l’utilizzatore, ossia per l’azienda che

Agenzie per il lavoro: requisiti più elevati, necessarie sei sedi in 4 regioni

Cambiano le regole e le difficolta maggiori le avranno le piccole Agenzie per il lavoro. Il decreto ministeriale attuativo dell’intesa Stato Regioni, firmata il 21 dicembre e in fase di

Cassazione, applicabilità al lavoro in somministrazione dei limiti alla indennità omnicomprensiva ex. art. 32 del Collegato Lavoro 2010 – Sentenza n. 21001/2014

Pubblichiamo la sentenza 6 ottobre 2014, n. 21001 della Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, nell’ambito della quale, ancora una volta, la Suprema Corte specifica che “L’indennità prevista dall’art. 32 legge n. 183/10 trova

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento