Assolavoro: protocollo di intesa con INL per la tutela del lavoro e dell’intermediazione regolare

Lo scopo è quello di tutelare e promuovere forme regolari di lavoro in tutti i settori produttivi e di contrastare ogni fenomeno di elusione e disapplicazione delle norme di legge

Assolavoro: protocollo di intesa con INL per la tutela del lavoro e dell’intermediazione regolare
image_pdfimage_print

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL)  ha sottoscritto, il 3 agosto 2018, con Assolavoro, l’Associazione Nazionale delle Agenzie per il Lavoro, un Protocollo di Intesa con il quale viene costituito un “Osservatorio per la tutela del lavoro e dell’intermediazione regolare“.

L’obiettivo del Protocollo è quello di avviare ogni azione diretta a tutelare e promuovere forme regolari di lavoro in tutti i settori produttivi e di contrastare ogni fenomeno di elusione e disapplicazione delle norme di legge, nonché azioni tese a contrastare fenomeni di intermediazione illecita di manodopera, del caporalato e della fraudolenta applicazione della disciplina relativa all’istituto del distacco transnazionale.

Più specificamente l’Ispettorato Nazionale del Lavoro e Assolavoro collaboreranno “allo scopo di tutelare e promuovere forme regolari di lavoro in tutti i settori produttivi e di contrastare ogni fenomeno di elusione/disapplicazione delle norme di legge in tutti i settori”.

L’Osservatorio appena creato avrà il compito di:

  • raccogliere e monitorare i dati e le informazioni sul lavoro sommerso, le intermediazioni illecite di manodopera, i fenomeni di caporalato, la fraudolenta applicazione della disciplina del distacco transnazionale, l’inosservanza del principio della parità di trattamento salariale;
  • elaborare metodologie condivise per verificare e analizzare le informazioni acquisite sul mercato del lavoro irregolare

Tutte le attività dell’Osservatorio saranno coordinate da una “Cabina di Regia” condivisa e unitaria che perseguirà le finalità di:

  • promuovere iniziative, seminari e convegni per affrontare le problematiche connesse al lavoro irregolare e condividere proposte risolutive per la tutela della legalità nel mondo del lavoro;
  • redigere relazioni periodiche volte a condividere i dati e le informazioni raccolte al fine di prevenire e reprimere ogni forma di lavoro irregolare per incoraggiare lo sviluppo di una cultura della legalità;
  • promuovere azioni volte a sensibilizzare gli stakeholders sulle criticità emerse dalle 6 attività derivanti dal presente Protocollo.

Per una cooperazione efficace le due parti si impegneranno a:

  • collaborare, negli ambiti di rispettiva competenza, alla condivisione delle informazioni sull’andamento del mercato del lavoro per effettuare interventi mirati all’emersione delle condizioni di lavoro irregolare;
  • sostenere e promuovere iniziative per individuare piani di attività, anche con riguardo a specifici settori, analizzandone periodicamente l’andamento;
  • instaurare rapporti di condivisione e reciproco scambio di informazioni con le Istituzioni e le Forze dell’ordine per promuovere ogni utile forma di contrasto alle forme di lavoro irregolare;
  • individuare i settori e i soggetti potenzialmente coinvolti in situazioni che violano i principi di legalità, correttezza e trasparenza della disciplina del mercato del lavoro.
  • riunirsi periodicamente per raccordare le rispettive attività di contrasto alle forme di lavoro irregolare;

In particolare, Assolavoro si impegna a:

  • acquisire dalle Agenzie ogni informazione utile a mappare le situazioni di rischio, predisponendo relazioni da trasmettere all’INL per la programmazione delle connesse attività ispettive;
  • organizzare incontri con le Agenzie per pianificare attività utili al raggiungimento delle 7 finalità del presente Protocollo e all’implementazione dell’efficacia dell’attività ispettiva;
  • a collaborare per il perseguimento dei fini del Protocollo.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Jobs act: i centri per l’impiego tornano protagonisti assoluti delle politiche attive

Si è fatto molto interessante in questi giorni il dibattito sorto intorno allo schema di decreto di riforma delle politiche attive, che è attualmente al vaglio della Conferenza Stato Regioni.

Garanzia Giovani – metodologia di profilazione degli iscritti al portale [ Min. Lavoro]

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha pubblicato – sul proprio sito internet –  il Decreto Direttoriale 10/SegrDG/2015, che adotta la metodologia di definizione del sistema per la profilazione degli iscritti al portale www.garanziagiovani.gov.it.

Anpal: circolare per registrazione DIDonline (Dichiarazione di Immediata Disponibilità al lavoro)

  L’ANPAL ha pubblicato la circolare n.1 del 28 settembre 2017, nella quale si danno le istruzioni operative in relazione al rilascio della Dichiarazione di Immediata Disponibilità ( DIDonline )

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento