Licenziamento disciplinare e fatto posto alla base dello stesso [Cassazione]

cassazioneCon sentenza n. 19343 del 20 luglio 2018, la Corte di Cassazione ha affermato, che a fronte di un licenziamento disciplinare il cui fatto sia stato accertato in giudizio senza che lo stesso sia stato contestato in maniera tempestiva, il lavoratore ha diritto ad un risarcimento compreso tra le 12 e le 24 mensilità calcolate sull’ultima retribuzione globale di fatto.

Viene, nella sostanza, applicata la tutela indennitaria forte (art. 18, comma 5) e non quella debole che va da 6 a 12 mensilità (art. 18, comma 6) poiché non si tratta di una mera violazione di norme procedimentali. Nel caso di specie, infatti, si è in presenza di un affievolimento della garanzia di una effettiva difesa del lavoratore incolpato.

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 331 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Legge di conversione del DL Dignità pubblicata in Gazzetta Ufficiale

Il Parlamento ha pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 186 dell’11 agosto 2018, la legge n. 96 del 9 agosto 2018, di conversione – con modificazioni – del decreto legge n. 87

Semplificazioni in materia di DURC | INPS circolare n°17/2017

L’Inps, con la circolare n. 17 del 31 gennaio 2017, illustra i contenuti delle modifiche effettuate dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con il Decreto del 23 febbraio 2016, sulla

Praticanti professionisti: con obbligo Inail ma non per tutti

Praticantato negli studi professionali senza obbligo di assicurazione contro gli infortuni. Mentre l’ Inail con circolare n.16 del 4 marzo 2014 avvia l’operazione di revisione dell’inquadramento dei tirocinanti, alla luce

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento