Ho avuto un dipendente con un contratto a T.D. che mi verrà somministrato da un’agenzia, dovrò pagare il contributo dell’1,90%?

Ho avuto un dipendente con un contratto a T.D. che mi verrà somministrato da un’agenzia, dovrò pagare il contributo dell’1,90%?
image_pdfimage_print

Ho avuto un dipendente con un contratto a tempo determinato per 6 mesi, ora mi accingo a stipulare un contratto con una agenzia per il lavoro che mi somministrerà lo stesso lavoratore. Questo rapporto viene considerato un rinnovo e come tale dovrò pagare il contributo dell’1,90%?

Di seguito la risposta del Dott. Roberto Camera:

Ritengo di no, in quanto per rinnovo si deve considerare la medesima tipologia contrattuale stipulata tra le parti. Nel caso specifico, dalle sue indicazioni, il rapporto di somministrazione è il primo ad essere formalizzato e come tale dovrà essere previsto il contributo addizionale dell’1,40%.

 

Per saperne di più sul provvedimento leggi anche: “Decreto dignità: cosa cambia per contratti a termine, somministrazione e licenziamenti” di Eufranio Massi

 

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 466 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Nel caso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo, è possibile assumere giovani con l’agevolazione triennale?

Buongiorno, due mesi fa abbiamo effettuato un licenziamento per giustificato motivo oggettivo presso una nostra unità produttiva. Ho saputo che non possiamo più assumere giovani con l’agevolazione triennale. È così?

Con la prossima introduzione del contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti , l’ apprendistato verrà rivisto? magari riducendo la formazione?

No, non è in programma una rivisitazione dell’apprendistato che è stato, di recente, modificato dalla Legge

Quante sono le ferie del personale domestico?

La risposta è nell’art. 18 del CCNL: 26 giorni lavorativi, indipendentemente dalla durata e dalla distribuzione dell’orario di lavoro. Le ferie sono, di regola, continuative, ma possono anche essere frazionate.

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento