fbpx

INPS: quota TFR in busta paga come Qu.I.R. – cessazione obbligo di erogazione

inps_01L’INPS ha emanato il messaggio n. 2791 del 10 luglio 2018, con il quale informa che, a decorrere da luglio 2018, non essendo stato adottato dal legislatore alcun provvedimento di proroga o reiterazione delle disposizioni normative, i datori di lavoro non saranno più tenuti a erogare in busta paga la quota maturanda del TFR per i dipendenti che ne abbiano fatto richiesta.

Decadono, pertanto, gli obblighi informativi e contributivi della circolare INPS 23 aprile 2015, n. 82, fatte salve specifiche indicazioni, contenute nel messaggio, relative alle aziende che abbiano avuto accesso al finanziamento della Qu.I.R.

I lavoratori dipendenti del settore privato, in relazione ai periodi di paga dal 1° marzo 2015 al 30 giugno 2018, hanno potuto richiedere ai rispettivi datori di lavoro, in via sperimentale, di percepire in busta paga la quota maturanda del Trattamento di Fine Rapporto ( TFR) come Quota Integrativa della Retribuzione (Qu.I.R.).

 

Fonte: INPS

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 365 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Inps, “ Garanzia Giovani ”, erogazione dell’indennità di tirocinio – Mess. n. 7899/2014

L’Inps, con il Messaggio n. 7899 del 22 ottobre u.s., specifica le modalità di erogazione dell’indennità di tirocinio prevista dal Piano italiano di attuazione della Garanzia Giovani.

ANPAL: incentivi – le note di aggiornamento NEET e Mezzogiorno

L’ANPAL informa che sono disponibili, nella sezione “Dati e Pubblicazioni” del sito, due note di aggiornamento al 31 ottobre 2018, relative a incentivo occupazione NEET e incentivo occupazione Mezzogiorno. Alla data di riferimento, per l’incentivo occupazione NEET sono state presentate 51.334

MISE – Decreto Rilancio: le principali misure per le imprese

Nel decreto Rilancio, approvato dal Consiglio dei Ministri e pubblicato in Gazzetta Ufficiale, sono stati stanziati 55 miliardi di euro di risorse per sostenere imprese, artigiani, commercianti, professionisti, lavoratori e famiglie nella nuova

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.