INPS: quota TFR in busta paga come Qu.I.R. – cessazione obbligo di erogazione

image_pdfimage_print

inps_01L’INPS ha emanato il messaggio n. 2791 del 10 luglio 2018, con il quale informa che, a decorrere da luglio 2018, non essendo stato adottato dal legislatore alcun provvedimento di proroga o reiterazione delle disposizioni normative, i datori di lavoro non saranno più tenuti a erogare in busta paga la quota maturanda del TFR per i dipendenti che ne abbiano fatto richiesta.

Decadono, pertanto, gli obblighi informativi e contributivi della circolare INPS 23 aprile 2015, n. 82, fatte salve specifiche indicazioni, contenute nel messaggio, relative alle aziende che abbiano avuto accesso al finanziamento della Qu.I.R.

I lavoratori dipendenti del settore privato, in relazione ai periodi di paga dal 1° marzo 2015 al 30 giugno 2018, hanno potuto richiedere ai rispettivi datori di lavoro, in via sperimentale, di percepire in busta paga la quota maturanda del Trattamento di Fine Rapporto ( TFR) come Quota Integrativa della Retribuzione (Qu.I.R.).

 

Fonte: INPS

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 310 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Chiarimenti per gli Studi di settore – periodo d’imposta 2014 [Agenzia Entrate]

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 28 del 17 luglio 2015, fornisce i chiarimenti in merito all’applicazione degli studi di settore relativi al periodo d’imposta 2014. I 68 studi,

Assegno per il nucleo familiare (ANF): indicazioni dell'INPS

L’Inps, con il messaggio n. 4638 del 18 novembre 2016, fornisce le indicazioni utili in merito alle domande di autorizzazione per la percezione dell’Assegno per il Nucleo Familiare (ANF). L’autorizzazione

CCNL Unionmeccanica – Confapi: dal 30 marzo welfare di 150 euro per i lavoratori

Si porta a conoscenza che, in relazione a quanto previsto dall’articolo 52 del CCNL per la piccola e media industria metalmeccanica e della installazione di impianti, le aziende dovranno mettere

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento