MISE: parte il credito d’imposta per la formazione 4.0

Il Ministro dello Sviluppo Economico, di concerto con il Ministero dell’Economia delle Finanze ed il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ha pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 143 del 22 giugno 2018, il Decreto 4 maggio 2018 con il quale emana disposizioni applicative del credito d’imposta per le spese di formazione del personale dipendente nel settore delle tecnologie previste dal Piano Nazionale Industria 4.0.

Con il Decreto parte il credito d’imposta per gli investimenti effettuati dalle imprese per la formazione del personale negli ambiti funzionali al processo di trasformazione tecnologica e digitale 4.0.

Possono accedere al beneficio tutte le imprese residenti nel territorio dello Stato, indipendentemente dalla natura giuridica, dal settore economico di appartenenza, dalla dimensione, dal regime contabile e dal sistema di determinazione del reddito ai fini fiscali.

Per maggiori informazioni

Scheda di approfondimento sul credito d’imposta Formazione 4.0

Fonte: Ministero dello Sviluppo Economico

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 331 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Inps, effetti dei controlli sulla contribuzione previdenziale

L’Inps, con la circolare n. 140/2016, fornisce chiarimenti circa il calcolo dei contributi previdenziali dovuti in relazione a casi di maggior reddito, eventualmente accertato dall’Agenzia delle Entrate, nei confronti di

Decreto Dignità: audizione Assolavoro Commissioni congiunte della Camera

In relazione all’avvio dell’esame del c.d. Decreto Dignità in sede referente presso le Commissioni congiunte VI e XI della Camera, questa sera alle 21:30 Assolavoro sarà tra le poche associazioni

Voucher: istruzioni per la tracciabilità

Con la circolare n. 1/2016 l’Ispettorato nazionale del lavoro fornisce le prime linee guida sulle modalità da seguire per adempiere ai nuovi obblighi di comunicazione delle prestazioni di lavoro accessorio

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento