fbpx

Posso utilizzare un ragazzo appena diplomato come lavoratore autonomo occasionale?

Posso utilizzare un ragazzo appena diplomato come lavoratore autonomo occasionale?

Per essere considerato lavoratore autonomo occasionale, ai sensi dell’art. 2222 c.c., il rapporto di lavoro deve avere le seguenti caratteristiche:

  • tempo limitato per la sua effettuazione,
  • assenza di subordinazione e di coordinamento con il committente,
  • mancanza di inserimento funzionale nell’organizzazione aziendale. ​

In virtù di queste specifiche, se il ragazzo non ha alcuna esperienza e professionalità nelle materie trattate durante il rapporto di lavoro, ritengo che non sia possibile il “lavoro autonomo occasionale” e che il contratto da prendere in considerazione debba essere quello subordinato o di somministrazione. ​

Di seguito un estratto dall’articolo: “I vantaggi del contratto di somministrazione sull’inserimento diretto

“Il contratto a tempo determinato e la somministrazione di manodopera hanno caratteristiche molto diverse tra loro. La somministrazione tramite Agenzia per il Lavoro, con debita autorizzazione ministeriale, rappresenta lo strumento dominante per le aziende che necessitano di una temporanea integrazione dell’organico.

Tale forma di inserimento lavorativo costituisce il principale concorrente per il contratto a tempo determinato ad inserimento diretto in azienda. Anche nei costi esiste una piccola differenza: il contratto a termine ha un costo leggermente inferiore, in quanto al costo del lavoro si aggiunge il margine per l’Agenzia. Tuttavia va tenuto conto che i costi maggiori, anche se particolarmente esigui, sono comunque “ammortizzati” dalla facilità e dalla flessibilità di utilizzo […] In conclusione lo strumento della somministrazione è una forma di lavoro che va incentivata, in quanto può contribuire al miglioramento del mercato del lavoro e portare un giovamento anche per i lavoratori che avranno una maggior tutela dei propri diritti”.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 694 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Un lavoratore si dimetterà l’ultimo giorno lavorativo il 01/04/2016: le dimissioni non devono essere trasmesse telematicamente come da ultime disposizioni?

  A mio avviso, le dimissioni presentate oggi, con decorrenza dopo il 12 marzo 2016 (data di vigenza della nuova procedura comunicativa), soggiacciono alle regole previste, in materia, dalla Legge

L’azienda presso la quale lavoro applica il CCNL che non disciplina l’apprendistato professionalizzante, così come modificato dal TU 167/2011; posso comunque assumere un apprendista con le vecchie regole ?

L’interpello n. 4/2013 del Ministero del Lavoro stabilisce che nel caso in cui il datore di lavoro applichi un contratto collettivo che non abbia disciplinato l’ apprendistato professionalizzante, è possibile

Buongiorno, vorrei attivare un apprendistato per la qualifica e il diploma professionale. Quali sono le caratteristiche?

In modo molto sintetico, queste le caratteristiche principali per l’attivazione di un apprendistato per la qualifica e il diploma professionale (cd 1° livello): Ragazzi compresi dai 15 ai 25 anni

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.