Posso utilizzare un ragazzo appena diplomato come lavoratore autonomo occasionale?

Posso utilizzare un ragazzo appena diplomato come lavoratore autonomo occasionale?
image_pdfimage_print

Per essere considerato lavoratore autonomo occasionale, ai sensi dell’art. 2222 c.c., il rapporto di lavoro deve avere le seguenti caratteristiche:

  • tempo limitato per la sua effettuazione,
  • assenza di subordinazione e di coordinamento con il committente,
  • mancanza di inserimento funzionale nell’organizzazione aziendale. ​

In virtù di queste specifiche, se il ragazzo non ha alcuna esperienza e professionalità nelle materie trattate durante il rapporto di lavoro, ritengo che non sia possibile il “lavoro autonomo occasionale” e che il contratto da prendere in considerazione debba essere quello subordinato o di somministrazione. ​

Di seguito un estratto dall’articolo: “I vantaggi del contratto di somministrazione sull’inserimento diretto

“Il contratto a tempo determinato e la somministrazione di manodopera hanno caratteristiche molto diverse tra loro. La somministrazione tramite Agenzia per il Lavoro, con debita autorizzazione ministeriale, rappresenta lo strumento dominante per le aziende che necessitano di una temporanea integrazione dell’organico.

Tale forma di inserimento lavorativo costituisce il principale concorrente per il contratto a tempo determinato ad inserimento diretto in azienda. Anche nei costi esiste una piccola differenza: il contratto a termine ha un costo leggermente inferiore, in quanto al costo del lavoro si aggiunge il margine per l’Agenzia. Tuttavia va tenuto conto che i costi maggiori, anche se particolarmente esigui, sono comunque “ammortizzati” dalla facilità e dalla flessibilità di utilizzo […] In conclusione lo strumento della somministrazione è una forma di lavoro che va incentivata, in quanto può contribuire al miglioramento del mercato del lavoro e portare un giovamento anche per i lavoratori che avranno una maggior tutela dei propri diritti”.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 443 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Il ccnl scuole fism prevede l’utilizzo del 10% dei contratti a termine con durata superiore ai 7 mesi.La sua violazione cosa comporta?

L’art. 10, comma 4 bis del decreto legislativo 368/2001 riguarda soltanto le scuole pubbliche. Nelle altre valgono le regole generali. La violazione della disposizione contrattuale relativa alla durata potrebbe portare,

L’azienda può concedere un orario contrattuale diverso dallo standard per un lavoratore/genitore di un figlio disabile?

La concessione unilaterale della modifica dell’orario di lavoro, da parte dell’azienda, avviene esclusivamente qualora il lavoratore/trice abbia una patologia oncologica o una grave patologia cronico-degenerativa ingravescente, per la quale residui

Un apprendista assunto per 4 anni nel 2013 è possibile ridurlo a 3 anni ? E’ possibile anche passarlo ad un 3°livello senza aspettare la fine dell’ apprendistato ?

È possibile terminare l’ apprendistato prima della sua naturale scadenza. Ciò accade quando il datore di lavoro ritiene che il ragazzo abbia raggiunto gli obiettivi formativi previsti nel Piano formativo

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento