Posso utilizzare un ragazzo appena diplomato come lavoratore autonomo occasionale?

Posso utilizzare un ragazzo appena diplomato come lavoratore autonomo occasionale?
image_pdfimage_print

Per essere considerato lavoratore autonomo occasionale, ai sensi dell’art. 2222 c.c., il rapporto di lavoro deve avere le seguenti caratteristiche:

  • tempo limitato per la sua effettuazione,
  • assenza di subordinazione e di coordinamento con il committente,
  • mancanza di inserimento funzionale nell’organizzazione aziendale. ​

In virtù di queste specifiche, se il ragazzo non ha alcuna esperienza e professionalità nelle materie trattate durante il rapporto di lavoro, ritengo che non sia possibile il “lavoro autonomo occasionale” e che il contratto da prendere in considerazione debba essere quello subordinato o di somministrazione. ​

Di seguito un estratto dall’articolo: “I vantaggi del contratto di somministrazione sull’inserimento diretto

“Il contratto a tempo determinato e la somministrazione di manodopera hanno caratteristiche molto diverse tra loro. La somministrazione tramite Agenzia per il Lavoro, con debita autorizzazione ministeriale, rappresenta lo strumento dominante per le aziende che necessitano di una temporanea integrazione dell’organico.

Tale forma di inserimento lavorativo costituisce il principale concorrente per il contratto a tempo determinato ad inserimento diretto in azienda. Anche nei costi esiste una piccola differenza: il contratto a termine ha un costo leggermente inferiore, in quanto al costo del lavoro si aggiunge il margine per l’Agenzia. Tuttavia va tenuto conto che i costi maggiori, anche se particolarmente esigui, sono comunque “ammortizzati” dalla facilità e dalla flessibilità di utilizzo […] In conclusione lo strumento della somministrazione è una forma di lavoro che va incentivata, in quanto può contribuire al miglioramento del mercato del lavoro e portare un giovamento anche per i lavoratori che avranno una maggior tutela dei propri diritti”.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 479 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Tra assunzioni a tempo determinato e somministrazione esistono sostanziali differenze in termini giuridici?

Per rispondere compiutamente al suo quesito bisogna analizzare non solo la disposizione di legge ma anche la contrattazione collettiva che ha disciplinato le due tipologie contrattuali. Le differenze possono essere

Quali sono le caratteristiche per considerare lavoratori in trasferta, piuttosto che trasfertisti, i miei dipendenti ed erogare la relativa indennità?

Ai sensi dell’articolo 7-quinquies, della Legge n. 225 del 1° dicembre 2016, per essere considerati trasfertisti, devono essere contestualmente presenti le seguenti condizioni: elemento formale: mancata indicazione nel contratto e/o

Dai consulenti ai centri per l`impiego così si trova lo stage

LAVORO Under 30, le mosse per trovare lo stage Dai career center degli atenei agli enti privati, dai Centri per l’impiego alle bacheche ordine sono molte le chance di uno

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento