La mia azienda ha stipulato con una scuola superiore una convenzione per un tirocinio. Si parla di D.Lgs 77/2005 e di Legge 107/2015. Va comunicato al Centro per l’Impiego?

La mia azienda ha stipulato con una scuola superiore una convenzione per un tirocinio. Si parla di D.Lgs 77/2005 e di Legge 107/2015. Va comunicato al Centro per l’Impiego?
image_pdfimage_print

Dalle informazioni fornite, la convenzione si ispira alla normativa sull’alternanza scuola-lavoro e le attività previste dovrebbero rientrare nel piano di studi della scuola.

In considerazione di ciò, ritengo che si tratti di tirocinio curriculare e come tale non è da comunicare al Centro per l’Impiego.

Da Cliclavoro.gov:

Tirocini “curriculari”, quelli inclusi in un processo di apprendimento formale svolto all’interno di piani di studio delle università e degli istituti scolastici.  In concreto, a cosa serve questo tirocinio? Non tanto ad inserire un ragazzo nel mondo del lavoro, ma piuttosto ad affinare il processo di apprendimento attraverso l’alternanza scuola/lavoro. Il ragazzo che vuole iniziare un tirocinio formativo curriculare deve essere uno studente iscritto al corso di studio attivato da chi promuove il tirocinio medesimo […] i tirocini curriculari promossi dalle università o dalle scuole, o comunque non soggetti alle comunicazioni obbligatorie in quanto svolti all’interno di un percorso formale di istruzione o formazione”.

Dall’editoriale di Eufranio Massi “I tirocini formativi sotto la lente degli ispettori del lavoro“:

“Le disposizioni impartite dall’INL escludono i c.d. tirocini curriculari (per i quali la nota del Ministero del Lavoro n. 4756 del 14 febbraio 2007 esclude l’obbligo della comunicazione preventiva ai servizi per l’impiego), quelli previsti per l’accesso alle professioni ordinistiche, i periodi di pratica professionale, i tirocini transnazionali, svolti all’esteri o presso un ente sovranazionale ed i tirocini di soggetti extra comunitari svolti all’interno delle quote di ingresso di cui parla il D.L.vo n. 286/1998“.

[…] formazione ed orientamento: si tratta di una agevolazione nelle scelte professionali di giovani nel passaggio dalla scuola al lavoro attraverso una formazione che postula un contatto diretto con il mondo del lavoro. I destinatari sono, in linea di massima, individuabili tra i neo diplomati ed i neo laureati che hanno conseguito il titolo di studio da non più di dodici mesi”.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 458 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Ho una collaborazione con pensionato prorogata ogni anno. Nel 2014 con cambio normative fu fatta una proroga sino al 12/17. Posso continuare alle condizioni previste dalla cir. 03/2016?

  È anomalo un contratto di collaborazione che preveda una proroga di 3 anni e potrebbe essere fatta oggetto di verifica. Le consiglierei, comunque, di risolvere consensualmente il rapporto di

È vero che nel contratto di rete l’ispettore non deve entrare nel merito del distacco ma deve considerarlo genuino?

In risposta al suo quesito, Le riporto uno stralcio della circolare n. 35/2013 del Ministero del Lavoro che dice espressamente: “ai fini della verifica dei presupposti di legittimità del distacco,

Cosa prevede l’opzione donna?

Prevista dalla legge di stabilità 2016 (Legge n. 208/2015), offre la possibilità di ritiro anticipato alle lavoratrici dipendenti con un’età anagrafica pari o superiore a 57 anni e 3 mesi

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento