Occupazione: stabile nei primi tre mesi dell’anno, leggera flessione per i tempi indeterminati

Occupazione: stabile nei primi tre mesi dell’anno, leggera flessione per i tempi indeterminati

Le ultime rilevazioni dell’Istituto di Statistica sull’occupazione mostra un mercato del lavoro essenzialmente stazionario tra il quarto trimestre del 2017 e i primi tre mesi del 2018. Secondo le stima dell’Istat nella prima indagine trimestrale dell’anno l’occupazione è risultata “sostanzialmente stabile rispetto al trimestre precedente, a seguito dell’ulteriore aumento dei dipendenti a termine (+69 mila, +2,4%) e del corrispondente calo sia dei lavoratori a tempo indeterminato (-23 mila, -0,2%) sia degli indipendenti (-37 mila, -0,7%). Anche il tasso di occupazione resta sostanzialmente invariato, portandosi al 58,2%”. Ha fatto eco ad un buon trimestre il mese di aprile, nel quale, prescindendo la stagionalità, il lavoro è continuato a crescere rispetto a marzo 2018.

Dai dati si evince che la variazione nel breve periodo è stata minima, ma nel raffronto annuo, cioè in rapporto ai primi tre mesi del 2017, il numero degli occupati è cresciuto di circa 147mila unità. L’aumento, anche in questo frangente, riguarda in maniera sostanziale i contratti a termine, circa 385 mila, mentre c’è stata una diminuzione dei lavoratori a tempo indeterminato e gli autonomi.

Nei dati di flusso, evidenzia l’Istituto di Statistica, gli ingressi nell’occupazione aumentano unicamente verso il lavoro a termine: l’aumento coinvolge in prevalenza gli individui con elevato livello di istruzione e i residenti nel Sud.

I lavoratori a tempo indeterminato sono 14.895.000 con un calo dello 0,2% sul trimestre precedente e dello 0,3% sul primo trimestre 2017. I lavoratori a termine sfiorando quota tre milioni (2.923.000) con una crescita del 2,4% sul trimestre precedente e del 16,2% sul primo trimestre del 2017. Il tasso di occupazione tra i 15 e i 64 anni è al 58,2%, invariato sul trimestre precedente e in aumento sul primo trimestre del 2017. Calano ancora gli inattivi.

Il tasso di disoccupazione di inizio 2018 si porta così all’11,1% con una crescita di 0,1 punti rispetto al trimestre precedente ed un calo di 0,5 punti rispetto allo stesso periodo del 2017. I disoccupati sono 2 milioni 893 mila (dato destagionalizzato). Per il quarto trimestre consecutivo prosegue la diminuzione dei disoccupati (-135.000 persone in cerca di lavoro rispetto al primo trimestre 2017) che interessa entrambi i generi e in circa nove casi su 10 riguarda i giovani tra i 15 e i 34 anni. La riduzione degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-87.000, -0,6%) è dovuta esclusivamente alle donne ed è concentrata nel Mezzogiorno.

Fonte:Istat

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

CORSO (POLITECNICO MILANO) SULLO SMART WORKING

“Il disegno di legge presentato in Parlamento lo scorso 28 gennaio rappresenta un grande passo in avanti nel processo di sensibilizzazione e supporto all’adozione del lavoro agile/smart working da parte

CONTRATTI TERRITORIALI

Il settore dell’impresa minore trova nell’applicazione del contratto nazionale la soluzione più appropriata per i rapporti col mondo del lavoro. Lo sostiene l’Isril, secondo la quale la contrattazione territoriale può

Inps: orari e regole per le visite fiscali

Ormai è una questione di giorni. L’Inps avrà il compito di effettuare le visite fiscali per le assenze per malattia dei dipendenti della pubblica amministrazione. Dal primo settembre, infatti, si

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento