Condotta antisindacale e principi fondamentali [Cassazione]

image_pdfimage_print

cassazioneCon sentenza n. 12551/2018, la Corte di Cassazione ha fissato alcuni principi da tenere presente allorquando ci si trova di fronte ad un ricorso ex art. 28 della legge n. 300/1970 per condotta antisindacale. Essi sono:

aassociazione sindacale nazionale: per essa si intende una organizzazione con diffusione ed azione su tutto il territorio nazionale o gran parte di esso, non essendo necessaria la sottoscrizione di CCNL o espressa adesione agli stessi, né che l’associazione faccia parte di una confederazione nazionale maggiormente rappresentativa;

battualità: la Cassazione ne ha fornito un significato ampio nel senso che la presentazione di un ricorso in ritardo non è di per sé stesso inammissibile se perdurano gli effetti lesivi del comportamento o gli stessi possono avere effetti durevoli anche dopo nel tempo;

csostituzione di lavoratori in sciopero: la Cassazione ha affermato che la sostituzione di lavoratori in sciopero con altri lavoratori di qualifica superiore è possibile se marginale e del tutto occasionale e per compiti complementari ed accessori rispetto alla qualifica di appartenenza. Il diritto di sciopero non deve ritenersi leso se il diritto di iniziativa economica non ostacola la possibilità di aderire all’astensione dal lavoro, non potendosi vietare al datore l’iniziativa di far uso del proprio potere organizzativo finalizzato a limitare i danni derivanti dallo sciopero.

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 241 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento