Assegno di ricollocazione: dopo una lunga fase di test finalmente al via

Assegno di ricollocazione: dopo una lunga fase di test finalmente al via

L’ Assegno di ricollocazione, in seguito ad una lunga fase di test che ne ha fatto rinviare diverse volte l’avvio, è finalmente operativo e a pieno regime. Ne dà notizia l’ Anpal, Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro, che dopo i continui rinvii adesso è pronta a far accedere i disoccupati a questo strumento particolarmente utile alla ricollocazione professionale.

L’ Assegno di Ricollocazione è un voucher che va da 250 a 5.000 euro (dipende dal profilo del disoccupato) per i servizi per il lavoro che concedono una possibilità di impiego ad un disoccupato che sia percettore di Naspi da almeno 4 mesi, la nuova indennità di disoccupazione. Il valore dell’assegno dipenderà dalla difficoltà (per territorio, per formazione e via discorrendo) di ricollocare il lavoratore preso in esame.

Requisiti Assegno di Ricollocazione

Il documento ANPAL descrive quali sono le categorie di soggetti che possono beneficiare del servizio:

  • I percettori della Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego (NASpI) la cui durata di disoccupazione superi i quattro mesi. Non tutti i disoccupati, pertanto, beneficiano all’assegno.
  • Chi ha diritto al Reddito di Inclusione per i quali il progetto personalizzato preveda la stipula del patto di servizio; le modalità di identificazione degli aventi diritto saranno composte con successivo provvedimento da definire in accordo con il Ministero del lavoro e delle politiche sociali.
  • I lavoratori coinvolti nell’accordo di ricollocazione di cui all’articolo 24-bis del decreto legislativo n. 148/2015, ovvero impiegati in aziende in crisi; anche in questo caso, le modalità per la richiesta anticipata dell’Assegno di Ricollocazione da parte di questi lavoratori saranno delineate con provvedimenti successivi stabiliti con il Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

Le Regioni, attraverso i centri per l’impiego (sedi operative) da queste individuati, saranno le principali erogatrici dei servizi. Ma anche i soggetti accreditati ai servizi per il lavoro a livello nazionale e i soggetti accreditati all’erogazione dei servizi per il lavoro secondo i sistemi di accreditamento regionale. Nelle Regioni considerate “meno sviluppate” o “in transizione”(Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna, Abruzzo e Molise) è autorizzata la creazione di “Sportelli Temporanei Territoriali”.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

PALMERI: Al via lo sportello ALA, Autoimpiego e Lavoro Autonomo, nei Centri per l’Impiego

Dal giorno 29 marzo entra nel vivo il Piano di Rafforzamento triennale dei Servizi Pubblici per il lavoro della Regione Campania, varato in Giunta il 13 marzo scorso. Il piano,

Percorso di riqualificazione professionale per addetto alle vendite [Regione Veneto – DGR 840/2015]

“ Percorso di riqualificazione professionale per addetto alle vendite” In fase di presentazione a valere sulla DGR 840/2015 della Regione del Veneto Destinatari                                                                                                                    Il presente percorso formativo propone la realizzazione

Percorso formativo: Cameriere ai piani in strutture turistiche alberghiere [Regione Veneto – DGR 840/2015]

“ Cameriere ai piani in strutture turistiche alberghiere” In fase di presentazione a valere sulla DGR 840/2015 della Regione del Veneto Destinatari Il presente percorso formativo propone la realizzazione di

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento