Ministero del Lavoro: retribuzioni medie giornaliere 2018 per talune categorie di lavoratori agricoli ai fini previdenziali

image_pdfimage_print

ministero-del-lavoro

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha emanato, con prot. 0000195 dell’11 maggio 2018, il Decreto Direttoriale 10 maggio 2018, con la determinazione delle retribuzioni medie giornaliere per talune categorie di lavoratori agricoli ai fini previdenziali per l’anno 2018.

Le retribuzioni medie giornaliere, da valere per l’anno 2018, ai fini dei contributi e delle prestazioni previdenziali per la categoria dei piccoli coloni e compartecipanti familiari sono stabilite, per singole province, nelle misure fissate per la categoria dei lavoratori agricoli a tempo determinato nell’allegata tabella al Decreto.

Ai fini del calcolo dei contributi e della misura delle pensioni per gli iscritti alla gestione di cui all’articolo 28 della legge 88/1989, il reddito medio convenzionale giornaliero, da valere per l’anno 2018, per ciascuna fascia di reddito agrario è determinato nella misura di 57,60 euro.

 

Fonte: Ministero del Lavoro

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 279 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

INPS: cir.47/2016 – l’Assegno di Disoccupazione (ASDI)

  L’Inps ha pubblicato la circolare n. 47 del 3 marzo 2016, con la quale fornisce alcuni chiarimenti in merito all’Assegno di Disoccupazione (ASDI). L’ASDI ha la funzione di fornire

INPS: le novità per aziende agricole e del turismo alle Prestazioni occasionali

L’Inps, in un comunicato stampa pubblicato sul proprio sito internet (www.inps.it), evidenzia le modifiche apportate dall’articolo 2 bis della legge 96/2018, di conversione del decreto legge 87/2018, alla materia delle prestazioni

(Ri)trasformazione da part-time a tempo pieno legittima anche senza la volontà del lavoratore ( Corte Europea di Giustizia )

La Corte di Giustizia Europea, con sentenza C-221/2013, ha dichiarato legittimo l’articolo 16 della legge n. 183/2010 (c.d. Collegato Lavoro) nella parte in cui prevede la possibilità, per le Pubbliche Amministrazioni, di trasformare

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento