fbpx

Per i voucher digitalizzazione in arrivo altri 242 milioni dal Mise

Per i voucher digitalizzazione in arrivo altri 242 milioni dal Mise

Sul fronte del budget per lo sviluppo della digitalizzazione delle Pmi, il Mise ha stanziato altri 242 milioni di euro. Il Ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, ha infatti firmato il decreto con l’integrazione della dotazione finanziaria dei Voucher per la digitalizzazione delle Piccole e medie imprese per 242,5 milioni di euro. Con questo nuovo flusso le risorse totali a disposizione per la concessione del contributo diventano circa 342 milioni.

“La decisione è stata presa, a fronte di oltre 90.000 domande presentate, per evitare che il riparto delle risorse stanziate all’origine (100 milioni di euro per l’intero territorio nazionale) sia sensibilmente inferiore a quello richiesto dalla singola impresa”, spiegano in una nota dal Mise.

Ora però bisogna attendere qualche giorno per avere la comunicazione ufficiale dell’importo del Voucher “concedibile a ciascuna impresa per la realizzazione dei progetti di digitalizzazione e di ammodernamento tecnologico proposti”.

Come ben spiegato dal Ministero per lo Sviluppo Economico: il voucher è uno strumento di agevolazione per le micro, piccole e medie imprese che ipotizza un contributo, consistente sostanzialmente in un buono, con un importo che non deve superare i 10 mila euro, e che ha come fine ultimo l’adozione di interventi di digitalizzazione dei processi aziendali e di modernizzazione tecnologica.

Il voucher può essere speso, si legge nel vademecum ministeriale, per: migliorare l’efficienza aziendale; modernizzare l’organizzazione del lavoro, mediante l’utilizzo di strumenti tecnologici e forme di flessibilità del lavoro, tra cui il telelavoro; sviluppare soluzioni di e-commerce; fruire della connettività a banda larga e ultralarga o del collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare; realizzare interventi di formazione qualificata del personale nel campo ICT.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Jobs Act: la Consulta boccia il referendum su Art.18

No al referendum sull’articolo 18, sì a quelli sui voucher e sugli appalti. È questo il verdetto della Consulta al termine delle due ore di udienza a porte chiuse. Il

IBM ITALIA: CINIERO PRESIDENTE, CEREDA AD

Nicola Ciniero nel ruolo di presidente ed Enrico Cereda (nella foto) in quello di amministratore delegato: è questa la novità per il vertice di Ibm Italia, approvata venerdì a Milano

ALMAVIVA: BELLANOVA, SALVI 3.000 POSTI

Accordo fatto sulla vertenza Almaviva al ministero dello Sviluppo Economico. Lo annuncia in un tweet la viceministro Teresa Bellanova che scrive: “lo avevo detto dalla prima trattativa che non avremmo

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.