fbpx

Passaggio di azienda e non riconoscimento delle agevolazioni [Cassazione]

cassazioneCon sentenza n. 10431 del 2 maggio 2018, la Corte di Cassazione ha affermato che in caso di passaggio di azienda, realizzatosi attraverso un contratto di affitto, il nuovo datore di lavoro non può fruire delle agevolazioni allora previste per l’assunzione dei lavoratori in mobilità ( art. 8 della legge n. 223/1991, ora abrogato) già in forza presso il precedente datore di lavoro, iscrittisi qualche giorno prima nelle liste di mobilità.

L’agevolazione, sottolinea la Suprema Corte, spetta al datore di lavoro che assume “senza esservi tenuto” (le medesime parole sono presenti nell’art. 7, comma 5, lettera b, che disciplina gli incentivi per chi assume lavoratori che fruiscono della indennità di NASPI), requisito che non si rileva in chi, a seguito di passaggio di azienda, realizza la previsione contenuta nell’art. 47, comma 5, della legge n. 428/1990.

Con la medesima decisione la Corte ha punito il mancato versamento dei contributi come evasione contributiva (atteso il comportamento elusivo del datore) e non come omissione contributiva.

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 365 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Disdetta di accordo collettivo [Cassazione]

Con sentenza n. 2600 del 2 febbraio 2018, la Corte di Cassazione ha affermato che nel nostro ordinamento sussiste libertà di forma circa la comunicazione della disdetta di un accordo collettivo anche di

Corte Europea di Giustizia: marittimi a tempo determinato – soglia limite

La Corte Europea di Giustizia, con la sentenza del 3 luglio 2014 – C-362/13; C-363/13 e 407/13 , ha precisato che la fissazione della durata massima di un anno per i contratti

Industria: calo del fatturato e degli ordinativi, su le ore di CIG

All’alba della formazione del governo di M5s e Pd, l’economia italiana, complice il calo dell’Industria, lancia segnali d’allarme che forzano una riflessione sul bisogno di interventi e riforme. Dall’Istat vengono

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.