Critiche all’azienda su Facebook e licenziamento [Cassazione]

image_pdfimage_print

cassazioneCon sentenza n. 10280/2018, la Corte di Cassazione ha riconosciuto la piena legittimità di un licenziamento adottato dal datore di lavoro nei confronti di una dipendente che su Facebook aveva usato frasi fortemente scurrili e lesive del buon nome dell’azienda.

La Suprema Corte ha argomentato la sua posizione sottolineando che l’utilizzo del social network, pur se l’accesso alla bacheca risultava limitato, è uno strumento con una potenzialità illimitata e tale da diffondere quelle espressioni che hanno leso irreparabilmente il vincolo fiduciario che deve sussistere alla base del rapporto di lavoro.

La Corte non ha tenuto conto della difesa della lavoratrice che riteneva il provvedimento fortemente sproporzionato alla mancanza, che l’uso della bacheca voleva restringere la diffusione ai soli interlocutori ammessi al profilo e che le espressioni veicolate sul social network sono di uso corrente nel linguaggio dei social.

Di seguito l’Art. 2119. (Recesso per giusta causa).

“[…] Ciascuno dei contraenti puo’ recedere dal contratto prima della scadenza del termine, se il contratto e’ a tempo determinato, o senza preavviso, se il contratto e’ a tempo indeterminato, qualora si verifichi una causa che non consenta la prosecuzione, anche provvisoria, del rapporto. Se il contratto e’ a tempo indeterminato, al prestatore di lavoro che recede per giusta causa compete l’indennita’ indicata nel secondo comma dell’articolo precedente.

Non costituisce giusta causa di risoluzione del contratto il fallimento dell’imprenditore o la liquidazione coatta amministrativa dell’azienda […]”.

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 305 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Licenziamento per rimborsi spese “gonfiati” [Cassazione]

Con sentenza n. 8820/2017, la Corte di Cassazione ha affermato che con riguardo ad un licenziamento adottato nei confronti di lavoratori che presentano rimborsi spese per pranzi “gonfiati”, è onere

Superamento del periodo di comporto e licenziamento [Cassazione]

Con ordinanza n. 19927 del 27 luglio 2018, la Corte di Cassazione ha affermato che nel computo del comporto vanno calcolate soltanto le assenze per malattia. È, quindi, illegittimo il licenziamento avvenuto sommando, ai

Inps, indennità di tirocinio nell’ambito del Piano Italiano di attuazione della “Garanzia Giovani” – Mess. n. 6789/2014

In adempimento del Piano “Garanzia Giovani”, alcune Regioni hanno manifestato la volontà di affidare all’Inps l’erogazione dell’ indennità di tirocinio : l’Istituto – con il messaggio n. 6789/2014 – pubblica l’apposito schema

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento